Calendario eventi

Per tenerti sempre aggiornato sugli ultimi eventi organizzati da Italia Medievale.

Nov
4
sab
Medioevo in Libreria 2017-2018, seconda giornata
Nov 4@10:00–17:30

Sabato 4 novembre 2017 l’Associazione Italia Medievale è lieta di invitarvi alla prima giornata di Medioevo in Libreria 2017-2018 che avrà il seguente programma:
Ore 10,00: Milano Medievale: Visita guidata alla Basilica di San Nazaro in Brolo. Costo: 5 euro per i soci di Italia Medievale, 8 euro per i non associati. Ritrovo davanti all’ingresso in Largo Richini, 7. A cura di Mauro Enrico Soldi.
Nel pomeriggio nella Sala Conferenze del Civico Museo Archeologico di Milano (Ingresso da Via Nirone, 7):
Ore 15,30: Medioevo Movie. Viaggio nel Medioevo filmato. A cura di Italia Medievale
Ore 16,00: Leonardo Porcelloni, Storico dell’Associazione Europea delle Vie Francigene, “Storia e paesaggio lungo la via Francigena”.
Leonardo Porcelloni è Geografo, si è laureato sia nel percorso triennale che magistrale presso l’Università degli Studi di Firenze nel corso di Studi Geografici ed Antropologici, dove ha condotto ricerche in collaborazione con il Laboratorio di Geografia Applicata inerenti all’individuazione e valorizzazione di antichi percorsi lungo la Via Francigena e di trasformazione del paesaggio sulle zone umide mediante un approccio geo-storico e di analisi digitale. Attualmente, dopo aver partecipato ad un progetto di cooperazione internazionale con base in Ecuador, oltre che a continuare percorsi di ricerca sugli itinerari culturali insieme ad enti comunali e associazioni culturali, è docente di geografia per le scuole superiori e parte di ReCreo, Spin-off universitario di Firenze.

Nov
5
dom
Insieme alla mostra sui Longobardi
Nov 5@10:30–17:30

Domenica 5 novembre 2017 l’Associazione Italia Medievale organizza una gita alla mostra “Longobardi. Un popolo che cambia la storia” in pieno svolgimento al Castello Visconteo di Pavia.
La partecipazione è libera, ognuno si paga il treno e il biglietto d’ingresso alla mostra. Il ritrovo è alla Stazione di Porta Venezia a Milano, il treno per Pavia parte alle ore 10,39 con arrivo a destinazione alle ore 11,21. Chi volesse può anche raggiungerci direttamente al Castello di Pavia.
Avremo la possibilità di vedere oltre 300 opere provenienti da più di 80 Musei ed enti prestatori italiani e stranieri che sono pronte a raccontare la grande storia dei Longobardi, grazie anche ad approfondimenti multimediali che accompagnano il visitatore in mostra: ologrammi, video e touch-screen.

Nov
11
sab
Topographia Hibernica
Nov 11@16:00–17:30

Sabato 11 novembre 2017 alle ore 16,00 l’Associazione Italia Medievale e Archeobooks sono lieti di invitarvi nella Sala Conferenze del Civico Museo Archeologico di Milano (Ingresso da Via Nirone, 7) per la presentazione del libro “Topographia Hibernica” di Giraldo Cambrense (Virtuosa-Mente Edizioni, 2017). Traduzione e commento di Fabrizio De Falco. Intervengono Fabrizio De Falco e Sonia Maura Barillari. Ingresso libero.
La Topographia Hibernica, scritta nel 1188 e poi ampliata, è la prima opera dedicata all’Irlanda da uno straniero. L’autore, Giraldo Cambrense, fu un chierico attivo alla corte del re d’Inghilterra Enrico II Plantageneto all’epoca della conquista inglese dell’isola. La Topographia volle essere prova di talento letterario ma anche opera informativa, che svelasse i misteri di una terra ai confini dell’Occidente. Mescolando osservazioni naturalistiche, cronache e mirabilia, Giraldo scrisse un’opera che divenne poi un best-seller.
Fabrizio De Falco è dottorando al Dipartimento di Storia, Culture e Civiltà all’Università degli Studi di Bologna.
Sonia Maura Barillari è professore associato di Filologia romanza presso l’Università di Genova. Dal 2002 al 2005 ha ricoperto il ruolo di coordinatrice didattica nel corso post-laurea per la formazione di «Promotori dei beni culturali» (DIRAS, Università di Genova). Dal 1997 al 2002 ha avuto contratti di docenza presso l’Università IULM di Milano, e nell’A.A. 2004-2005 ha tenuto il corso di Filologia romanza presso Università Statale di Milano. Dal 2011 fa parte del collegio docenti del Corso di dottorato «Filologia, interpretazione e storia dei testi italiani e romanzi» (Università di Genova). Dal 1996 è membro del Comitato scientifico del «Laboratorio Etno-Antropologico di Rocca Grimalda», dal 2006 è membro del Comitato scientifico dell’«Istituto per i Beni marionettistici e il Teatro popolare», dal 2011 collabora con l’«Instytut Studiów Klasycznych, Śródziemnomorskich i Orientalnych» dell’Università di Wroclaw. Dal 2008 è membro del Comitato scientifico di «Orma. Rivista di studi etnologici e storico-religiosi», dal 2012 del Comitato scientifico della rivista «Italica Wratislaviensia» (Università di Wroclaw). Dal 2009 è membro del Comitato direttivo della rivista «L’immagine riflessa, Testi, società, culture», di cui dal 1992 cura la redazione. Dal 2012 è direttore (con Franco Pezzini e Andrea Scibilia) della Collana «Autunnonero. Studi sul Folklore e il fantastico», Roma, Aracne Editrice, e membro del comitato scientifico della Collana «Metamorphoseion», Roma, Aracne Editrice. Si occupa in prevalenza di letteratura edificante e di teatro medievale, supportando l’interpretazione dei testi (mediolatini e romanzi) con i dati desunti dall’analisi delle tradizioni folcloriche a essi coeve. Altri suoi campi di interesse sono l’analisi codicologica, la critica dantesca, il rapporto fra testo e immagine.

Nov
18
sab
La Società Editrice Dante Alighieri si presenta
Nov 18@16:00–17:45

Sabato 18 novembre 2017 alle ore 16,00 l’Associazione Italia Medievale e Archeobooks sono lieti di invitarvi nella Sala Conferenze del Civico Museo Archeologico di Milano (Ingresso da Via Nirone, 7) per la presentazione della Società Editrice Dante Alighieri e del libro “La tecnologia nella Commedia di Dante” di Filippo Silvestri (Società Editrice Dante Alighieri, 2017). Intervengono Massimo Desideri e Filippo Silvestri. Conduce Mauro Enrico Soldi. Ingresso libero.
Le origini della attuale Società Editrice Dante Alighieri risalgono al luglio del 1895, quando Giovanni Albrighi insieme a Dante Segati ed altri soci fondarono la Albrighi, Segati & C., una società in accomandita semplice che aveva per oggetto l’esercizio di una libreria scolastica commissionaria.
In breve la Casa Editrice guadagnò notorietà e rispetto, grazie soprattutto alla capacità di lavoro dei fondatori. Una capacità fatta di tenacia, intuito, dedizione Nel 1902 la società Albrighi, Segati & C. acquistò la Società Editrice Dante Alighieri in Roma, continuandone la gestione sotto la ragione sociale Società Editrice Dante Alighieri di Albrighi, Segati & C. acquistando successivamente la libreria gestita dalla Società Libraria di Napoli. Nel Gennaio del 1928 la fusione con la Società Anonima Editrice Francesco Perrella di Napoli, e conseguente cambio di denominazione sociale: Società Editrice Dante Alighieri, già Albrighi, Segati e C. e Società Anonima Editrice Francesco Perrella. Dal 1952 al 2002 le funzioni di Consigliere Delegato della SEDA sono state tenute dall’Ing.Silvano Spinelli di Roma, che ha guidato anche le sorti della rinomata Casa Editrice S. Lapi di Città di Castello. La sua saggezza nella gestione delle due imprese ha fatto della loro stretta cooperazione uno strumento di prim’ordine nel campo editoriale.
Attualmente la Società Editrice Dante Alighieri è una s.r.l. unipersonale, il cui amministratore unico è il Dott. Mauro Spinelli. Ad oggi, dei primi fondatori della Albrighi, Segati & C. nessuno è rimasto in vita, ma la loro opera continua nel segno delle attitudini e degli intendimenti dei suoi padri, distinguendosi ancora in un campo pur così difficile e denso di responsabilità come quello che li spinse un tempo ad intraprendere questa attività.
La Collana dantesca, diretta da Massimo Desideri, frutto del lavoro di più autori, nasce dalla comune volontà di celebrare i 750 anni dalla nascita del Poeta: ciascuna opera affronta e approfondisce un tema specifico, ricavato in particolare dalla Divina Commedia.
Gli argomenti trattati spaziano dall’analisi della competenza musicale dantesca al “modo” di leggere la Commedia – esaltandone gli aspetti fonetici e recitativi – alla concezione che Dante ha della funzione della letteratura, fino all’esame dell’itinerario geografico del viaggio del protagonista, all’indagine sul mondo animale, fantastico e reale, che anima il poema, oltre che sull’immaginario femminile dantesco e sull’indubitabile messaggio esoterico dei versi danteschi.
Né manca una “ricostruzione” narrativa della prima cantica della Commedia, molto utile ad accostare, soprattutto i ragazzi, agli aspetti emotivi ed avventurosi, da cui prende avvio lo straordinario itinerario dantesco.
Ultimo, gradito ingresso nella Collana (2017) – piacevole “anomalia” trattandosi del saggio di un ingegnere dantista – il volume “La tecnologia nella Commedia di Dante”, che affronta il tema, finora solo sfiorato dalla critica dantesca, delle conoscenze scientifiche e tecniche di Dante, per le quali il poeta rivela competenze di straordinario livello. Temi inusitati per la poesia, che solo Dante poteva trattare in versi con tanta perizia.
La Collana ha cercato di evitare un taglio “erudito”, in modo da potersi rivolgere, oltre che agli studenti delle scuole (preferibilmente a quelli del triennio finale delle superiori) e ai loro insegnanti desiderosi di qualche spunto didattico in più, anche a un pubblico “medio”, che intenda approfondire qualche aspetto della poesia dantesca, e a un pubblico “adulto”, curioso di alcuni temi magari trattati solo di sfuggita nel periodo trascorso a scuola.
Filippo Silvestri (Bari, 1948), ingegnere meccanico, è stato dirigente di ricerca presso L’ENEA, l’ente pubblico per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo sostenibile. Si è occupato di sicurezza nucleare; di pianificazione e gestione di progetti di ricerca sulle fonti rinnovabili e sul risparmio energetico, con finanziamenti nazionali ed europei; di formazione tecnica e di progettazione di strutture organizzative di ricerca.
E’ un convinto sostenitore dell’integrazione tra le due culture: quella umanistica e quella scientifica, come momento necessario per una crescita equilibrata della società.
Ha pubblicato libri di poesie ed è redattore della rivista letteraria “La Vallisa” di Bari.

Nov
25
sab
© Premio Italia Medievale 2017
Nov 25@17:00–19:00

Sabato 25 novembre 2017 alle ore 17,00 l’Associazione Italia Medievale è lieta di invitarvi nella prestigiosa Sacrestia del Bramante annessa alla Basilica di Santa Maria delle Grazie di Milano (Ingresso da Via Caradosso, 1) dove si terrà la cerimonia di consegna degli attestati ai vincitori della XIV edizione del © Premio Italia Medievale e della XII edizione di © Philobiblon, premio letterario Italia Medievale per racconti brevi e inediti liberamente ispirati al Medioevo. Ingresso libero.
Tenendo fede alle motivazioni per le quali è nata, l’Associazione Culturale Italia Medievale ha istituito nel 2004 il © Premio Italia Medievale per assegnare annualmente un riconoscimento a personalità, istituzioni e privati che si sono particolarmente distinti nella promozione e valorizzazione del patrimonio medievale del nostro paese. Con questa iniziativa intendiamo sostenere concretamente l’impegno di tutti coloro che, come noi, operano per la ri-scoperta e la ri-nascita di un epoca per nulla buia e barbara, come ancora troppo spesso si vorrebbe far credere. Nello stesso tempo, desideriamo ampliare il già nutrito mondo degli appassionati e offrire, anche ai meno attenti o interessati, l’incontro con un Medioevo più diretto e alla portata di tutti. Il © Premio Italia Medievale è anche un blog costantemente aggiornato e una pagina Facebook.

© Premio Italia Medievale 2017 – Risultati

1) Categoria Editoria

Donne al lavoro nell’Italia e nell’Europa medievali di Maria Paola Zanoboni

2) Categoria Arte

Fabrilis Carollo di Ciriè (TO)

3) Categoria Spettacolo

Modo Antiquo ensemble medievale

4) Categoria Gruppi Storici

Presenze Longobarde di Massello (TO)

5) Categoria Istituzioni

Centro Studi Medievali “Ponzio di Cluny” di Bassano del Grappa (VI)

6) Categoria Turismo

Romanico Monferrato

7) Categoria Multimediale

Museo Multimediale del Regno di Arborèa di Las Plassas (VS)

Premi speciali Italia Medievale assegnati dal Consiglio Direttivo di Italia Medievale

Vincitori Philobiblon

  1. L’ottavo peccato capitale di Silvia Privitera
  2. I segni della fine di Simone Censi
  3. La lettera di Teodolinda di Ivan Sergio
  4. Ingunde di Luisa Paglieri
Nov
26
dom
A tavola con i Longobardi
Nov 26@10:00–14:00

L’Associazione Italia Medievale è lieta di invitarvi domenica 26 novembre 2017, dalle ore 10,00 alle ore 14,00 presso la scuola di cucina teatro 7 in Via Thaon di Revel, 7 – 20159 Milano
A Tavola con I Longobardi – Maestro di Cucina Giovanna Motta
Una lezione/pranzo nel corso della quale i partecipanti collaboreranno alla preparazione del seguente menù che al termine della lezione potranno anche gustare.
A TAVOLA CON I LONGOBARDI
Come preparare (e gustare) alcune ricette alto medievali (dal manoscritto Parisinus Latinus 6482 e Parisinus Latinus 10318 )
LASAGNE “VEGETARIANE”
PORCELLO OXIDIOMUM
(spezzatino di maiale “piccante”)
RAPE CON LA POSCA
PATINA PEVERATA
(crêpes al miele)
Vini secchi e fermi, birra
La scuola di cucina teatro 7 è una struttura super attrezzata che permette di assistere e partecipare alle preparazioni, il menù è stato pensato per venire incontro anche al gusto moderno.
A fine pranzo i partecipanti potranno portarsi a casa le ricette con ingredienti e preparazioni.
Il costo complessivo è di 80,00 euro a persona da corrispondere con acconto 50% alla prenotazione e saldo a inizio lezione
La prenotazione è obbligatoria con e-mail a: info@italiamedievale.org entro il 17 novembre 2017, i posti sono limitati e l’evento si terrà se verrà raggiunta la quota minima di 18 partecipanti.
Il pagamento dell’acconto si potrà effettuare con carta di credito utilizzando il sistema sicuro di PayPal (indicando come causale: acconto Tavola Longobardi) oppure mediante bonifico sul conto intestato a Associazione Italia Medievale, IBAN: IT63H0760101600000031721178 o in contanti durante gli eventi organizzati da Italia Medievale nelle prossime settimane. Qualora non venisse raggiunto il numero minimo di partecipanti, l’evento verrà annullato e gli acconti saranno totalmente restituti.