Come si alimentavano i Templari

Come si alimentavano i Templari di Claudio Martinotti Doria

Ai contenuti del recentissimo articolo di taglio scientifico che vi sottopongo dopo la mia prefazione (fonte ADN Kronos), doverosamente devo riprendere alcuni concetti ed informazioni che avevo già esposto alcuni anni fa a proposito dell’alimentazione dei Templari.

I templari si nutrivano bene rispetto alla loro epoca anche perché erano ottimi “fattori”, gestivano con tecniche ed organizzazioni all’avanguardia le loro numerose “aziende agricole”, sempre insediate dove abbondava l’acqua, favorendo in tal modo anche la pescicoltura e l’irrigazione. Erano maestri anche nella viticoltura e produzione di vino (soprattutto in Francia) che esportavano in tutto il continente e nel Medio Oriente (sebbene le tecniche di trasporto e conservazione furono perfezionate solo secoli dopo, per cui durante il trasporto la qualità si alterava). Non disdegnavano neppure l’olivicoltura, in quanto l’olio d’oliva non mancava mai nelle loro tavole ed era un condimento di primaria importanza nella loro alimentazione.

Bere vino era consentito anche dalla loro Regola, dettata da Bernardo di Chiaravalle, giustificato come rimedio al freddo, per riscaldare il cuore e le membra, anche se dalle cronache dell’epoca pare se ne abusasse in parecchie occasioni. Si presume che fosse prevalentemente vino bianco, in misura minore anche rosso, sicuramente annacquato, non come nelle taverne (dove definirlo vino era un eufemismo), ma in misura minore.

I formaggi erano prevalentemente di pecora e capra, in quanto i bovini domestici venivano usati per i lavori nei campi, l’unica eccezione era il “grana” (poi divenuto grana padano) la cui invenzione è attribuibile ai monaci cistercensi che inizialmente lo chiamarono “caseus vetus”, e proprio nell’epoca in cui vissero i Templari ne aumentarono la produzione edificando i primi caseifici.

Mentre nelle taverne i cibi erano molto speziati e salati (per insaporirli, conservarli e riciclarli), quelli consumati dai Templari erano più freschi e sobri nel modo di cucinarli e proporli, e quindi si suppone fossero anche più facilmente digeribili ed assimilabili.
I templari avevano un vero manuale di vita, che per quanto possa sembrare rigido e severo, nel codificare anche l’alimentazione consentiva loro di condurre una vita molto più sana e longeva rispetto a tutto il resto della popolazione, con particolare riferimento all’aristocrazia, che potendosi permettere di tutto finiva per eccedere in maniera squilibrata ed insana e pertanto finiva per non godere di maggiori aspettative di vita rispetto al volgo (che moriva di stenti e malattie infettive).

I componenti della nobiltà finivano paradossalmente per ammalarsi per un errato ed esagerato regime alimentare che induceva processi biologici degenerativi, quando addirittura non si intossicavano per le “farciture” con cui abbellivano i cibi per motivi estetici e di sfarzo modaiolo con sostanze dannose per l’organismo. Chiunque legga testi di storia potrà riscontrare quanti nobili e persino sovrani morivano prematuramente per motivi che all’epoca non venivano neppure identificati, escludendo ovviamente deliberati avvelenamenti e morti in battaglia o per assassinio.

I templari disponevano di regole scritte in manuali, divise in articoli da rispettare. Ad esempio l’’articolo X stabiliva che “Tre volte a settimana vi sia sufficiente di rifocillarvi di carne, a meno che non cada il giorno di Natale, di Pasqua, la festa di Santa Maria e di Tutti i Santi, perché il troppo mangiar carne guasta la salute del corpo”.

Nella realtà a causa delle temperature riscontrabili in Terrasanta, ad esempio attorno al Mar Morto raggiungono tuttora i 50 degrees, l’uso della carne venne limitato, dando ampio spazio al pesce.
Nella dieta quotidiana dei Templari non mancavano nemmeno uova, formaggi, vegetable, verdura e frutta fresca. Il pane era sempre disponibile in porzioni abbondanti ed aveva un significato simbolico e pragmatico nella loro regola, come espresso nell’articolo XV : “Sebbene il premio della povertà, che è il Regno dei Cieli, si debba senza dubbio ai poveri, a voi tuttavia, ordiniamo di dare ogni giorno al vostro elemosiniere la decima parte del pane”.
Motivo per cui il pane veniva distribuito ai bisognosi in tutti i territori urbani presidiati dai templari. I templari disponevano di due tipologie di pane: il pane bigio, prodotto con farina di grano e di segale che veniva consumato nei giorni feriali, e il pane bianco, prodotto con farina bianca, consumato nei giorni festivi.

I Cavalieri Templari mangiavano in silenzio, nel refettorio, su tavolate di grandi dimensioni ricoperte da tovaglie bianche (solo il Venerdì Santo apparecchiavano senza tovaglia), uno di fronte all’altro, dotati di una scodella di corno o di legno ed un calice (che variava secondo i giorni, se feriali o festivi), un cucchiaio ed un coltello.

La forchetta all’epoca non era molto conosciuta, se non alla raffinata corte di Costantinopoli, e poi portata nell’XI secolo presso i veneziani da una principessa bizantina andata in sposa al doge Domenico Selvo (all’epoca si mangiava il cibo con le mani), e si suppone che da Venezia si sia diffusa gradualmente in tutte le corti della penisola e nel resto del continente.

Durante i pasti ascoltavano una lettura sacra. Il cibo non andava mai sprecato, le portate e le porzioni erano adeguate alle esigenze individuali e del contesto locale (in base ai servizi cui dovevano provvedere ed alle situazioni contingenti oltre che al clima locale e stagionale, per cui la dieta differiva tra i templari del continente europeo e quelli in Terrasanta), gli eventuali avanzi venivano dati ai bisognosi.

Rimane un mistero ancora oggi il perché i Templari in Terra Santa soffrissero di epistassi, anche se si presume fosse un disturbo correlato all’alimentazione, si sospetta potesse trattarsi di un progressivo seppur non letale avvelenamento, una sorta di sabotaggio alimentare, magari nel tentativo di indebolirli e renderli meno temibili in battaglia … Ipotesi non peregrina, se si considera che a tutte le incombenze, la manutenzione ordinaria, ai servizi “logistici” e domestici, etc.., era addetto personale esterno, assunto dalle località dove erano insediati, e solo in misura minore si dedicavano membri dell’Ordine del Tempio. Personale che per quanto selezionato e tenuto sotto controllo non poteva essere assolutamente affidabile.

A tal proposito non è fuori luogo precisare che la ricerca medico scientifica sotto riportata afferisce ai templari sopravvissuti alla “persecuzione” successiva al 1307 ed ordita dal re francese Filippo il Bello, l’età media dei templari è infatti desunta dagli atti dei numerosi processi perpetuati a loro carico. La Terrasanta era ormai persa da tempo, ed in ogni caso se anche si avessero dati attendibili inerenti i cavalieri rossocrociati in quei luoghi, certamente la media anagrafica sarebbe stata molto inferiore, per motivi facilmente deducibili. Da quelle parti si moriva in battaglia ed anche se si sopravviveva, ad una certa età non si era più in grado di combattere e ci si dedicava ad altre mansioni più sedentarie e/o si tornava nel continente presso una delle centinaia di Precettorie e Mansioni dell’Ordine.

Nella dieta dei Cavalieri Templari il segreto della longevità

Pubblicato su Adn Kronos the: 14/03/2016

Hanno vissuto 40 anni in più rispetto alla media dei loro coetanei. Non trascurando mai l’attenzione all’igiene a tavola, ma anche alla qualità e varietà degli alimenti. Poca carne, a cui preferivano i legumi, il pesce e la frutta fresca. “Una dieta che ha portato 314 Cavalieri Templari, uno dei più noti ordini religiosi cavallereschi cristiani, in molti casi a superare i 70 anni al processo che li vide protagonisti nel 1321. La spiegazione potrebbe risiedere nell’effetto positivo esercitato sulla flora intestinale da questa alimentazione, più sana rispetto a ciò che si mangiava nel Medioevo. Una fonte naturale di probiotici che ha effetti positivi e protettivi sulla flora gastrointestinale”. Lo spiega all’AdnKronos Salute Francesco Franceschi, direttore medicina d’urgenza Policlinico Gemelli di Roma.

Franceschi è autore, insieme ai colleghi Roberto Bernabei, Giovanni Gasbarrini e Peter Malfertheiner, della ricerca ‘La dieta di Cavalieri Templari: il loro segreto di longevità?’, pubblicata su ‘Digestive and Liver Disease’. Grazie all’indagine condotta sui documenti dell’epoca e del processo, la ricerca ha evidenziato come la dieta di questi monaci-soldati li ha aiutati a vivere più a lungo della media, in un periodo dove l’aspettativa di vita oscillava tra 25 and 40 year old. In the Middle Ages – evidenzia lo studio – l’alimentazione era ricca di grassi e calorie, si consumava molta carne nelle classi più ricche e la gotta era una delle patologie più diffuse. Come l’obesità, simbolo di ricchezza e opulenza, il diabete mellito e i livelli di colesterolo e trigliceridi erano molto alti.

“La dieta dei Templari, molto moderna e se vogliamo antesignana della dieta Mediterranea, combatteva tutte queste malattie – avverte Franceschi – poca carne (2 volte a settimana), molti legumi (tre piatti a settimana) che invece oggi si consumano poco ma sono invece potenti probiotici, il pesce era molto frequente, l’acqua la bevevano addizionata con la spremuta di arance per arricchire la carica anti-batterica. Al vino (molto razionato) aggiungevano polpa di Aloe, una pianta dotata di azioni antisettiche e funghicide molto utile nei Paesi con climi desertici caldi”.

“La longevità è stata una caratteristica peculiare dei Templari, secondo i documenti storici analizzati: Hugues de Payens morì a 66 year old; l’ultimo gran maestro Jacques de Molay quando fu ucciso, after 7 anni di prigione, had 67 year old. Al tempo – sottolinea Franceschi – questa eccezionale dote era attribuita ad uno speciale ‘regalo’ divino, ma in realtà dietro c’erano abitudini alimentari e igieniche codificate in regole da Bernardo di Chiaravalle”.

Oltre alla regole scritte, i Cavalieri Templari avevano anche principi di comportamento da rispettare per evitare la diffusione delle infezioni: era obbligatorio per tutti lavarsi le mani prima di mangiare, il refettorio dove si riunivano per consumare i pasti doveva essere ben tenuto e con tovaglie linde sempre pronte. Era bandita la caccia a fini alimentari, mentre furono proprio i Templari a dedicarsi all’allevamento del pesce. Un alimento molto presente nel loro regime alimentare, insieme ai formaggi, la frutta fresca e l’olio d’oliva.

“I Templari consideravano i frutti di mare un ottimo sostituto della carne, in questo modo beneficiavano dell’effetto positivo degli acidi grassi omega-3 sui livelli ematici di colesterolo e trigliceridi, oltre all’effetto antiossidante e antidepressivo dei molluschi – evidenzia la ricerca – In conclusion – affermano gli autori – crediamo che la dieta e le abitudini di vita potrebbero essere la spiegazione per la straordinaria longevità dei Templari: se questo è il caso, il motto ‘imparare dal passato’ non è mai stato così appropriato”.

Claudio+Martinotti+Doria+con+Ola+in+bibliotecaClaudio Martinotti Doria è un creativo specializzato in progetti turistico culturali e sociali, fin dall’adolescenza impegnato nel volontariato, dispone di una sensibilità umana ed una formazione piuttosto ecclettica che lo hanno indotto ad occuparsi soprattutto di scienze umane e di frontiera applicate alla vita quotidiana, per motivare e sostenere le persone, soprattutto in difficoltà, per aiutarle tramite l’arte maieutica a riscoprire le proprie radici e le vere cause del proprio malessere, per recuperare le energie latenti e reindirizzare le potenzialità verso nuovi orientamenti e traguardi vitali, al di fuori del giogo del condizionamento massivo cui tutti siamo sottoposti, ordito da un sistema aberrante che alimenta le paure per soggiogare e sottomettere la popolazione ad un consumismo ossessivo ed autodistruttivo. Una trappola, una sorta di matrix che si fonda principalmente sulla manipolazione finanziaria delle leggi economiche ed etiche naturali e sulla gestione monopolistica del denaro disonesto (di carta). Solo la consapevolezza di essere intrappolati ed ingannati potrà consentire di ricercare la verità e la libertà.
Visita il sito personale dell’autore.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

eighteen − six =