home

entra nel sito
eventi
novità
chi siamo
statuto
progetti
personaggi
contributi
convenzioni
segnalazioni
adesioni
mailing list
forum
video
link
Blog

MedioEvo Weblog

Italia Medievale

Libreria Medievale

Arte Medievale

Musica Medievale

Espana Medieval

Europa Medievale
Milano Medievale

Platea Medievale

Polonia Medievale
Galleria Medievale
Poesia Medievale
Siti Medievali
Racconti Medievali
Blog Eventi
Medioevo in Libreria
Premio Italia Medievale
Pisa 1063 A.D.
Terre Viscontee
Partner
Eubia

Rievocare

Castelli Toscani
Premi

© Premio Italia Medievale

© Philobiblon, Premio Letterario Italia Medievale
Concorso ACIM
Canali Video Acim
YouTube
Vimeo
LiveStream
WorldTV
Dailymotion
VodPod
Weoh
ACIM

Medioevo in Tavola

La felpa, la t-shirt e la borsa dell'Acim
Sostienici
Viaggia con noi nell'Italia medievale
Come with us across medieval Italy
Italia Medievale Bookshop

Una data che non si può cancellare

di Franco Franceschi

N.B: Il presente saggio è stato pubblicato su «1492. Rivista della Fondazione Piero della Francesca», I-II, 2008, pp. 7-14.

1492: la ‘scoperta’
Nella fortunatissima Times Complete History of the World di Richard Overy il 1492, inteso come l’anno in cui «Columbus discovers the New World, bringing the Americas into a global trading/cultural system», è solo una delle 50 date-chiave della storia dell’umanità, accanto all’invenzione della ruota e alla pubblicazione del Leviatano di Thomas Hobbes, alla battaglia di Maratona e alla messa a punto del microchip. Ma è certo che nella coscienza collettiva, almeno in quella degli europei, il 1492 appartiene al molto più ristretto novero dei riferimenti «che non si possono cancellare».
Verso il 1490 un europeo poteva avere una nozione abbastanza corretta del suo continente e del mondo mediterraneo, mentre assai più vaghe dovevano essere le sue idee sulle restanti regioni dell’Asia e dell’Africa; sapeva che la terra era rotonda, ma non ne conosceva le esatte dimensioni; sognava di regioni fantastiche, ma non aveva ancora scoperto la totalità di cui faceva parte. Il viaggio di Cristoforo Colombo mise di colpo in comunicazione due porzioni del globo fino ad allora separate dall’Oceano rivelando all’Europa la sua reale dimensione geografica e ponendola di fronte alla più radicale delle alterità, quella con i "selvaggi’ delle Indie.
E’ vero, inizialmente la notizia dell’impresa restò confinata ad una piccola cerchia di persone, che comunque non poteva ancora valutarne la portata, visto che lo stesso Colombo credeva di avere raggiunto l’Asia viaggiando verso Occidente, e più precisamente le isole dinanzi alle coste della Cina e del Giappone; senza contare che l’Ammiraglio toccò realmente il suolo del continente americano solo nel 1497, con il suo terzo viaggio, mentre nei due precedenti aveva girovagato fra le isole del Golfo del Messico. Ma nell’arco di una decina d’anni, innanzitutto grazie alle spedizioni effettuate da Amerigo Vespucci al servizio dei portoghesi, una verità molto più dirompente, amplificata e propagata per mezzo della stampa, venne alla luce.

Leggi tutto il contributo cliccando qui sotto:

Bookmark and Share


Creative Commons License



Franco Franceschi

Franco Franceschi è professore di Storia medievale all’Università di Siena. Specialista di storia urbana italiana, unisce alla passione per le ricerche di prima mano, principalmente centrate sulla realtà toscana (Firenze, Siena, Arezzo), l’interesse per i quadri generali e le analisi di taglio storiografico. I suoi principali campi d’interesse sono la storia del lavoro e delle Corporazioni, la politica economica, la trasmissione dei saperi e la mentalità dei ceti produttivi durante i secoli XIII-XVI. Tra le sue pubblicazioni si segnalano i volumi Oltre il ‘Tumulto’. I lavoratori fiorentini dell’Arte della Lana fra Tre e Quattrocento (Firenze, Olschki, 1993), «…E seremo tutti ricchi». Lavoro, mobilità sociale e conflitti nelle città dell’Italia medievale (Pisa, Pacini, 2012), Le città italiane nel Medioevo. XII-XIV secolo (Bologna, Il Mulino, 2012), scritto insieme ad Ilaria Taddei.

Contatta l'autore.

Clicca sulle copertine qui sotto per acquistare i volumi di Franco Franceschi.








jQuery Gallery by VisualLightBox.com v4.0m