home

entra nel sito
eventi
novità
chi siamo
statuto
progetti
personaggi
contributi
convenzioni
segnalazioni
adesioni
mailing list
forum
video
link
Blog

MedioEvo Weblog

Italia Medievale

Libreria Medievale

Arte Medievale

Musica Medievale

Espana Medieval

Europa Medievale
Milano Medievale

Platea Medievale

Polonia Medievale
Galleria Medievale
Poesia Medievale
Siti Medievali
Racconti Medievali
Blog Eventi
Medioevo in Libreria
Premio Italia Medievale
Pisa 1063 A.D.
Terre Viscontee
Premi

© Premio Italia Medievale

© Philobiblon, Premio Letterario Italia Medievale
Concorso ACIM
Canali Video Acim
YouTube
Vimeo
LiveStream
WorldTV
Dailymotion
VodPod
Weoh
ACIM

Medioevo in Tavola

La felpa, la t-shirt e la borsa dell'Acim
Sostienici
Viaggia con noi nell'Italia medievale
Come with us across medieval Italy
Italia Medievale Bookshop

MENU Fotolia

L'Abbazia cistercense di Santa Maria in Valle Christi

di Daniele Balletto
 
 

L'Abbazia cistercense di Santa Maria in Valle Christi in località San Massimo di Rapallo (GE)

 

 

L'Abbazia fu edificata per volere di due nobildonne genovesi al principio del XIII secolo, le quali donarono il fondo sul quale sarebbe sorto il complesso monastico di Valle Christi. La presenza dei cistercensi in Liguria, già documentata a Tiglieto, si ampliò così di un nuovo, importante tassello nel Tigullio.
Per oltre tre secoli l'ordine cistercense rimase a Valle Christi, finché nel XVI secolo l'abbazia fu occupata dalle clarisse. Tuttavia, la malsanità del luogo e la lontananza dal centro abitato di Rapallo, oltre che pericolosa per le continue incursioni barbaresche non più in linea con i dettami del Concilio di Trento, nonché il lento, progressivo abbandono della struttura da parte delle religiose costrinsero alla chiusura del monastero ed in seguito alla vendita dello stesso e dei suoi beni, con obbligo per l'acquirente di custodia dell'edificio di culto, nel quale un cappellano avrebbe officiato la messa.
Il complesso, stando alle cronache, si trovava ancora in buono stato di conservazione alla fine del Settecento e negli anni '40 dell'Ottocento, ma la costante incuria ha causato il quasi totale crollo della basilica, della quale sopravvivono integri il presbiterio e la volta soprastante; nulla ad eccezione delle fondamenta è rimasto del chiostro, compreso tra un lato della basilica e i tre della struttura monastica, del quale sappiamo dovesse presentarsi a colonne binate in marmo bianco con pozzo al centro, tuttora visibile.
Meravigliosa e imponente, la torre nolare è senza dubbio l'elemento meglio conservato ed ha come modello quella molto simile della Basilica dei Fieschi di Cogorno in Valfontanabuona. La particolarità più notevole di Valle Christi è rappresentata indubbiamente dalle absidi e dai transetti a fondo piatto, peculiarità architettonica di matrice cistercense che trova rarissimi riscontri in Liguria.

clicca sulle immagini per visualizzarle ingrandite in una nuova pagina

Bookmark and Share


Creative Commons License




Daniele Balletto

Sono nato a Genova nel 1988 e ho frequentato il liceo classico Andrea D'Oria di Genova e la Facoltà di Giurisprudenza della stessa città; sono sempre stato appassionato di arte e me ne occupo da anni a livello autodidattico
E-mail: balletto.daniele@libero.it