home

entra nel sito
eventi
novità
chi siamo
statuto
progetti
personaggi
contributi
convenzioni
segnalazioni
adesioni
mailing list
forum
video
link
Blog

MedioEvo Weblog

Italia Medievale

Libreria Medievale

Arte Medievale

Milano Medievale
Musica Medievale

Espana Medieval

Europa Medievale

Platea Medievale

Polonia Medievale
Galleria Medievale
Poesia Medievale
Siti Medievali
Racconti Medievali
Blog Eventi
Medioevo in Libreria
Premio Italia Medievale
Pisa 1063 A.D.
Terre Viscontee
Partner
Eubia

Rievocare

Castelli Toscani
Premi

© Premio Italia Medievale

© Philobiblon, Premio Letterario Italia Medievale
Concorso ACIM
Canali Video Acim
YouTube
Vimeo
LiveStream
WorldTV
Dailymotion
VodPod
Weoh
ACIM

Medioevo in Tavola

La felpa, la t-shirt e la borsa dell'Acim
Sostienici
Viaggia con noi nell'Italia medievale
Come with us across medieval Italy

Alimentazione durante l'XI-XII-XIII secolo

di Giovanna Barbieri

Al contrario di quello che si può presupporre, l’alimentazione della popolazione nell’alto e basso Medioevo era piuttosto varia, soprattutto nella bella stagione. Contadini e nobili allevavano animali di bassa corte (galline, oche e anatre) e naturalmente ne mangiavano le uova. Anche la piccola cacciagione era molto diffusa (lepri, quaglie, pernici, fagiani e altri volatili selvatici), uccisi con archi o trappole nei terreni comuni o in quelli di proprietà dei nobili, i contadini ne traevano un sostentamento non secondario pagando al signore locale un tributo. I villani potevano uccidere anche cervi, orsi e cinghiali, la cui razza si mischiava con i maiali domestici. La conservazione avveniva con insaccamento o affumicatura, mentre con la frutta (mele, prugne, fragole) e verdura si producevano marmellate o salse piccantissime da gustare con la carne. Il pesce infine veniva allevato a “domicilio”, nei torrenti, canali, vivai e paludi, soprattutto storioni, trote, lucci, anguille e salmoni, per non dimenticare crostacei e molluschi di ogni sorta. Non mancavano sulla tavola di ricchi e poveri formaggi stagionati di capra e pecora, soprattutto al nord, burro e altri formaggi freschi da consumare subito. La mucca era costosa e poco diffusa sia al nord che al sud, se non in qualche ricco monastero. Per quanto riguarda la coltivazione di cereali, nel XII-XIII secolo in primavera si seminava soprattutto miglio, pànico, sorgo. Queste granaglie si adattavano ai climi umidi del nord e in autunno c’era la segale (nell’alto Medioevo), avena e orzo, indispensabili per la preparazione di pane nero, zuppe e polente. Nella parte meridionale dell’Italia, dato il clima più caldo, si piantava soprattutto orzo e frumento (miglio, avena, farro, segale), non sicuramente grano puro. Ovviamente la quantità a disposizione degli abitanti dipendeva dai capricci del clima, freddo, piogge eccessive, tempeste e dalle guerre, che vanificavano le fatiche dei contadini. Anche in periodi di carestia comunque la chiesa pretendeva la decima e il signore locale i tributi, dunque ben poco restava ai servi della gleba. La situazione migliorò con l’invenzione dell’aratro a ruota al posto di quello primitivo di origine romana. Il nuovo attrezzo rompeva infatti più profondamente la terra umida e grassa del nord e non necessitava di una successiva aratura trasversale. Tutti coltivavano grandi orti: ceci, lenticchie,  piselli, barbabietole, cipolle, carote, aglio e cavoli, sui quali non pendevano decima della chiesa o tributi.

Bookmark and Share


Creative Commons License



Giovanna Barbieri

Giovanna Barbieri nasce a Verona il 15/01/1974 e risiede ad Arbizzano di Valpolicella, comune di Negrar, Verona.

Nel 2001 consegue la laurea in Scienze Politiche, indirizzo economico-internazionale. Dal 2002 ai giorni nostri lavora come contabile e impiegata amministrativa.

Nel 2007 inizia la collaborazione con l’associazione culturale senza scopo di lucro “Rohirrim”, recentemente con Progetto Babele e il sito internet Sguardo sul Medioevo.

È autrice del blog Il Mondo di Giovanna. Storie del basso e alto Medioevo.