home

entra nel sito
eventi
novità
chi siamo
statuto
progetti
personaggi
contributi
convenzioni
segnalazioni
adesioni
mailing list
forum
video
link
Blog

MedioEvo Weblog

Italia Medievale

Libreria Medievale

Arte Medievale

Musica Medievale

Espana Medieval

Europa Medievale
Milano Medievale

Platea Medievale

Polonia Medievale
Galleria Medievale
Poesia Medievale
Siti Medievali
Racconti Medievali
Blog Eventi
Medioevo in Libreria
Premio Italia Medievale
Pisa 1063 A.D.
Terre Viscontee
Premi

© Premio Italia Medievale

© Philobiblon, Premio Letterario Italia Medievale
Concorso ACIM
Canali Video Acim
YouTube
Vimeo
LiveStream
WorldTV
Dailymotion
VodPod
Weoh
ACIM

Medioevo in Tavola

La felpa, la t-shirt e la borsa dell'Acim
Sostienici
Viaggia con noi nell'Italia medievale
Come with us across medieval Italy
Italia Medievale Bookshop

MENU Fotolia
I banchetti nel Medioevo
Testo di Laura Malinverni
 
 

Dettaglio del banchetto di Guglielmo I d'Inghilterra. Arazzo di Bayeux.

 

 

Tavole per banchetti

Tavole, suppellettili e personale addetto alle mense

Il banchetto, come tema iconografico, è stato trattato diffusamente durante tutto il Medioevo. Fino al secolo XI, le tavole rappresentate in pitture e miniature sono a mezzaluna o ellittiche. A partire dal XII cambiano forma, divenendo quasi costantemente rettangolari, talora molto lunghe. Le tavole fisse erano piuttosto rare, dato che in genere erano semplici assi di legno a venire posate su cavalletti o “banchetti” (da cui il nome assunto dal convito) e rimosse al termine del pasto.

I commensali sedevano su panche o sedili, a volte ad alto schienale, resi più comodi da cuscini, disposti solo sul lato esterno dei tavoli, lasciando libero quello interno per il servizio e per assistere ad eventuali intrattenimenti. Il signore e gli ospiti di maggiore importanza occupavano una tavola rialzata con una predella, oppure una vera e propria cattedra, riccamente addobbata e apparecchiata, mentre sovrani ed alti prelati stavano sotto un baldacchino. Parecchi codici miniati del Trecento, nonché versioni illustrate del Decameron di Boccaccio, ci mostrano banchetti con un numero di partecipanti limitato ed uomini e donne seduti a tavola alternati fra loro; quando non si trattava di banchetti sontuosi, dal Trecento venne di moda servire il cibo su piccole tavole rotonde.

Già in età altomedievale la tavola era coperta da tovaglie bianche. Nel Medioevo mangiare sulla stessa tovaglia aveva un significato di uguaglianza sociale e il colore bianco un valore simbolico. Si mangiava a “tagliere”, cioè veniva messo un tagliere ogni due commensali, perché nel pasto medievale era fondamentale il concetto di dividere con gli altri il cibo: lo facevano sia il padrone di casa, sia gli ospiti con gli altri invitati, ed i commensali dovevano servirsi con le mani. Questa abitudine, comune nell’alto Medioevo e confermata da riferimenti reperibili nei romanzi cavallereschi, si protrasse parecchio, anche dopo la relativa diffusione della posateria: capponi, vitelli, maiali e selvaggina, sminuzzati dagli addetti alla tavola, continuarono ad essere portati alla bocca con le dita per secoli.

Per leggere tutto il contributo clicca qui sotto !

Bookmark and Share


Creative Commons License




Laura Malinverni

clicca sulla copertina per acquistare il volume onlne.

Visita il sito dell'autrice: http://lauramalinverni.net/