home

entra nel sito
eventi
novità
chi siamo
statuto
progetti
personaggi
contributi
convenzioni
segnalazioni
adesioni
mailing list
forum
video
link
Blog

MedioEvo Weblog

Italia Medievale

Libreria Medievale

Arte Medievale

Musica Medievale

Espana Medieval

Europa Medievale
Milano Medievale

Platea Medievale

Polonia Medievale
Galleria Medievale
Poesia Medievale
Siti Medievali
Racconti Medievali
Blog Eventi
Medioevo in Libreria
Premio Italia Medievale
Pisa 1063 A.D.
Terre Viscontee
Premi

© Premio Italia Medievale

© Philobiblon, Premio Letterario Italia Medievale
Concorso ACIM
Canali Video Acim
YouTube
Vimeo
LiveStream
WorldTV
Dailymotion
VodPod
Weoh
ACIM

Medioevo in Tavola

La felpa, la t-shirt e la borsa dell'Acim
Sostienici
Viaggia con noi nell'Italia medievale
Come with us across medieval Italy
Italia Medievale Bookshop

MENU Fotolia

Il fantasma del Castello di Roppolo

di Eleonora Bartorelli e Fabrizio Bacolla
 
 

Il Castello di Roppolo

 

 

Roppolo si adagia in un'area in cui la Serra d'Ivrea si armonizza alle ondulazioni collinari che sfumano gradatamente nella pianura. Sorto nella luce crepuscolare del Medioevo su precedenti agglomerati celtici e romani, come ampliamento di nuclei antichissimi che individuiamo nei "Vittimuli", cercatori d'oro delle aurofondine della Bessa, deve probabilmente, vista l'etimologia, il suo nome ad un antico possessore di origine germanica. Il castello si trova in una posizione elevata, che domina il lago di Viverone, e in passato costituì un ottimo punto di osservazione e di controllo della zona circostante, in particolare per prevenire pericolose insorgenze dal Canavese. Appare quindi verosimile che un luogo del genere ospitasse già in epoca antica delle fortificazioni, forse all'inizio torri di segnalazione, poi ampliatesi.
Probabilmente la prima struttura innalzata era una torre, sulla quale in seguito fu posta quella attuale; intorno alla torre fu poi costruito un complesso costituito da un recinto, in origine formato probabilmente da pietre a secco messe secondo un metodo relazionato al metodo delle "Chiuse" di tradizione longobarda. Dopo i primi diplomi del X secolo, dal 1000 al 1200 gli accenni alle vicende del castello risultano rari e sporadici, durante quel periodo il feudo e il castello sono detenuti nelle mani dei potenti conti di Cavaglià. Roppolo infatti, faceva parte, con Salomone e Pavarano, del contado cavagliese. La tradizione incomincia a farsi storia quando un documento del 13 agosto 1226 dichiara che il conte Lumello di Cavaglià vende a Manfredo Bichieri il feudo e il castello di Roppolo con tutte le sue pertinenze. Si vuole che i Bichieri derivassero da un capostipite di nome Guala Beccaria, detto Bichiero, giureconsulto, ambasciatore in più luoghi e coppiere dell'imperatore Lotario II. Avrebbe costui trattenuto il suo signore dal bere in una coppa nella quale era stato mescolato al vino un potentissimo veleno. Grato dell'avvenimento, l'imperatore volle donare al servo il titolo e un castello che, per la memoria, decretò fosse nominato "Bichiero". Ancora oggi sulla parete principale dell'ala duecentesca del maniero domina lo stemma dei Bichieri: tre bicchieri riempiti a metà di vino rosso sotto il cappello del cardinale Guala Bichieri. I Bichieri esercitarono il potere per più di due secoli e del castello ampliarono il lato ovest con due ariose, ampie e belle arcate del portico, a tutto sesto, sullo sfondo del cortile.
Dopo il cardinale Guala entra in scena il più guerriero dei suoi nipoti: Pietro, l'amico dell'imperatore Federico II, il capo dei ghibellini vercellesi, il quale fortificò il maniero. Bandito dalla sua terra natia, vi si rinchiuse per farne scudo e centro di potere contro ogni minaccia. Negli ampi travagli e sconvolgimenti politici che coinvolsero in quei secoli l'Europa e il Piemonte, il feudo di Roppolo, come altri nel Canavese, fu oggetto di contese, di lotte quasi continue e sottoposto a vari signori: dai Savoia ai Marchesi del Monferrato, dai Visconti ai conti di Valperga. Nel corso di tutti questi anni, dal quattrocento alla Rivoluzione Francese, anche la struttura fortificata del castello di Roppolo fu sottoposta ad alterne vicende, ma si mantenne fortunatamente indenne da distruzioni o sostanziali mutamenti. Intorno alla metà del XIX secolo fu scoperto in una nicchia del castello uno scheletro ancora chiuso nella sua armatura di ferro. Scrissero in proposito: "Nella terza stanza della torre, aprendosi nel 1800 un muro parietale, venne alla luce una profonda intercapedine nella quale si rinvenne una completa armatura con entro i resti di un guerriero. Erano quelli di Bernardo di Mazzè". La storia di questo delitto narra che agli ordini di Ludovico Savoia, sotto il comando di Guglielmo di Monferrato, si trovavano due nobili canavesani: il conte Bernardo Valperga di Mazzè e Ludovico Valperga, signore di Roppolo. Tra questi due valorosi capitani regnava, per ignota ragione, un segreto rancore che doveva avere, in seguito, il suo tragico epilogo. Ambedue i cavalieri militavano nella guerra intentata dai pretendenti al ducato di Milano, dopo la morte di Filippo Visconti. Per la decadenza politica che si trovava allora il Ducato di Savoia e per la lontananza e le poche forze del duca d'Orleans, figlio di Valentina Visconti, il duca Ludovico di Savoia poco contava nelle operazioni belliche e ai suoi ordini si trovavano i due Valperga.
Sigillo dei Valperga

Caduto il Mazzè in una sortita, nelle mani degli sforzeschi, Ludovico Valperga, sotto l'apparenza di un atto umano e cavalleresco, si recò al campo nemico e, patteggiando, ottenne il riscatto del commilitone. Il Mazzè, scortato fino al Ticino dai milanesi, venne consegnato ad Antonio Valperga, il quale lo accompagnò nel castello di suo fratello Ludovico, signore di Roppolo. Da quel momento nessuno ebbe più sue notizie. il 13 febbraio 1459 il duca Ludovico di Savoia fece confiscare i beni di Ludovico di Valperga per "L'omicidio commesso nella persona di Bernardo di Mazzè". Da allora a Roppolo e dintorni si favoleggia intorno al tragico fatto del "murato vivo". Molti affermano che in alcune notti si senta ancora il fantasma del Mazzè che geme di dolore: la sua voce esce dal castello e si diffonde nel paese. Nel 1915 fu anche tentata una spiegazione razionale: con il vento, si formava a volte una particolare corrente d'aria, come un mulinello, che entrando in una stanza all'ultimo piano, provocava uno strano verso, come un ululato che si ripercuoteva in una sala dando la sensazione che qualcuno si stesse lamentando. Nonostante i resti umani del conte Bernardo di Mazzè furono poi seppelliti in terra consacrata, il tormento del suo fantasma a volte ritorna a gemere e ad urlare nell'ultima stanza del castello di Roppolo, anche quando non c'è il vento.....

Bookmark and Share


Creative Commons License




Per contattare gli autori invia una mail a:
bacolla.f@alice.it