ASSOCIAZIONE CULTURALE ITALIA MEDIEVALE

home

entra nel sito
eventi
novità
chi siamo
statuto
progetti
personaggi
contributi
convenzioni
segnalazioni
adesioni
mailing list
forum
video
link
Blog

MedioEvo Weblog

Italia Medievale

Libreria Medievale

Fototeca

Arte Medievale

Musica Medievale

Espana Medieval

Polonia Medievale
Europa Medievale

Platea Medievale

Galleria Medievale
Siti Medievali
Racconti Medievali
Bibliografie Medievali
Blog Eventi
Medioevo in Libreria
Premio Italia Medievale
Pisa 1063 A.D.
Terre Viscontee
Partner
Eubia

Rievocare

Castelli Toscani
Premi

© Premio Italia Medievale

© Philobiblon, Premio Letterario Italia Medievale
Concorso ACIM
ACIM

Medioevo in Tavola

La felpa, le t-shirts, il cuscino e la borsa dell'Acim
Sostienici
Viaggia con noi nell'Italia medievale
Come with us across medieval Italy

La Giostra del Saracino di Arezzo

con il contributo di Paolo Borgogni [*]

Nobili Cavalieri di Casata schierati nella Lizza

La Giostra del Saracino (“Giostra ad burattum”) è un antico giuoco cavalleresco che, come esercizio di addestramento militare, affonda le sue radici nel Medio Evo e richiama la secolare lotta sostenuta dalla cristianità occidentale per contenere l’avanzata musulmana.

Disputato sovente ad Arezzo fra il Cinquecento e la fine del Seicento (quando si organizzarono memorabili giostre barocche), il torneo svolge per tutta l’Età Moderna importanti funzioni sociali in seno alla comunità urbana. Si giostra infatti sia in occasione della visita di grandi personalità (regnanti, principi), sia per solennizzare particolari ricorrenze civili (carnevale, matrimoni).

La Giostra - che dall’inizio del Seicento è una peculiarità aretina - decade nel corso del XVIII secolo fino a scomparire del tutto, almeno nella sua versione più “nobile”. Dopo una vivace ripresa popolaresca fra Sette ed Ottocento, una nuova scomparsa dopo il 1810 ed una fugace apparizione nel 1904 sulla scia della rivalutazione del Medio Evo operata dal movimento romantico, la Giostra viene stabilmente ripristinata nel 1931, in forma di rievocazione storica ambientata nel XIV secolo, assumendo rapidamente anche un autentico carattere agonistico.

La manifestazione, che giunge quest’anno alla 111.ma e 112.ma  edizione dell’epoca contemporanea, si svolge ogni anno ad Arezzo il penultimo sabato  di giugno in notturna (Giostra di San Donato, patrono della città) e la prima domenica di settembre nel pomeriggio (Giostra di Settembre).

Ne sono protagonisti i quattro antichi quartieri della città:

Porta Crucifera (colori verde e rosso), Porta del Foro (colori giallo e cremisi), Porta Sant’Andrea (colori bianco e verde) e Porta del Borgo, oggi Porta Santo Spirito (colori giallo e azzurro).

La Giostra del Saracino è organizzata dal Comune di Arezzo attraverso un’apposita Istituzione, ma nell’organo di governo (Consiglio di Amministrazione), presieduto dal Sindaco, sono presenti anche i Rettori dei Quartieri.

La giornata Giostresca si apre al mattino con la lettura del bando da parte dell’Araldo e prosegue  con un variopinto corteo storico che allinea per le vie della città 350 figuranti in costume trecentesco e 27 cavalli; momento saliente del corteo è la benedizione degli armati sulle scalinate del Duomo da parte del Vescovo di Arezzo.

Il torneo cavalleresco che si svolge nella preziosa cornice di Piazza Grande, agli ordini del Maestro di Campo si apre con l’ingresso in piazza, al suono di trombe e di tamburi, del corteo storico, recante gli antichi gonfaloni della città.

I momenti salienti di questa fase sono l’ingresso delle massime Autorità della Giostra (Magistratura, Giuria, Rettori dei Quartieri), l’esibizione degli Sbandieratori, l’ingresso al galoppo dei giostratori, lo schieramento sulla lizza dei cavalieri di casata, rappresentanti l’antica nobiltà aretina, la lettura da parte dell’Araldo della Disfida di Buratto (una composizione poetica in tre ottave risalente al XVII secolo), il saluto di balestrieri e armigeri al grido di “Arezzo”, l’autorizzazione della Magistratura a correr giostra, l’esecuzione dell’Inno del Saracino - opera del compositore Giuseppe Pietri (1886-1946) - da parte del Gruppo Musici.

Inizia poi la gara vera e propria: i giostratori delle quattro “porte” - veri protagonisti della manifestazione - si gettano al galoppo, lancia in resta, contro il Saracino, un automa corazzato, che rappresenta un saraceno armato di mazzafrusto (“Buratto, Re delle Indie”), secondo l’ordine delle carriere stabilito per sorteggio la settimana antecedente la giostra nel corso di una cerimonia in costume in Piazza del Comune. Numerosi gli imprevisti determinati dall'abilità, dal coraggio e dalla fortuna degli otto giostratori che si avvicendano sulla pista di terra battuta e in leggera salita (“lizza”), che taglia diagonalmente Piazza Grande. Vince la competizione la coppia di cavalieri che, nel colpire lo scudo del Saracino (che presenta punteggi variabili fra uno e cinque), consegue il risultato più elevato; al loro Quartiere va in premio l’ambita lancia d'oro. In caso di parità fra due o più Quartieri dopo le carriere ordinarie (due serie, una per ciascun giostratore), per aggiudicare il trofeo si ricorre ad una o più carriere di spareggio. Al termine vengono sparati colpi di mortaio in onore del Quartiere vincitore.

Le regole del torneo, contenute in un “regolamento tecnico” che ripropone, quasi inalterati, i Capitoli per la Giostra di Buratto risalenti al 1677, sono di facile comprensione, ma al tempo stesso tali da garantire una prolungata suspence. L'esito dello scontro fra i cavalieri cristiani e “l’infedele” resta incerto fino all’ultimo momento, a causa dei frequenti colpi di scena, che vanno dalla squalifica del giostratore (in caso di uscita dalla lizza) al raddoppio del punteggio (in caso di rottura della lancia nel violento impatto con il Saracino).

Emblema della Giostra del Saracino edizione di giugno (notturna)
Emblema della Giostra del Saracino edizione di settembre.

[*] Paolo Borgogni - Ufficio Archivio e Comunicazione - Assessorato al Turismo, Sport, Cultura, Teatro, Politiche Giovanili, Immigrazione ed Integrazione - Comune di Arezzo
Ufficio : 0575/377447
email: p.borgogni@comune.arezzo.it
Indirizzo: Via Porta Buia (ex caserma Cadorna) - 52100 Arezzo

Per saperne di più:

Istituzione "Giostra del Saracino" / Ufficio Turismo, Giostra del Saracino e Folclore
Via della Bicchieraia, 26
52100 Arezzo (AR)
Tel. 0575 377462 - 0575 377463
Fax 0575 377464
mail: giostradelsaracino@comune.arezzo.it

Centro di Accoglienza Turistica "Benvenuti ad Arezzo"
Piazza della Libertà
52100 Arezzo (AR)
Tel. 0575 401945
mail: welcome@comune.arezzo.it

Comune di Arezzo
Piazza della Libertà, 1
52100 Arezzo (AR)
Tel. 0575/3770
informacomune@comune.arezzo.it
www.comune.arezzo.it

Maestro di Campo e ViceMaestro di Campo
Carriera del Quartiere di Porta S. Spirito
Sbandieratori Città di Arezzo
Nobile di Casata
Carriera del Quartiere di Porta S. Andrea
Armigeri di Porta del Foro
Capitano del Quartiere di Porta Crucifera
I Fanti della Giostra del Saracino
Il Saracino con i suoi Famigli

Cliccare sulle immagini per ingrandirle

Vista il sito ufficiale della Giostra del Saracino di Arezzo.

Video Giostra su PaesiOnline

Gallery Giostra su LifeinItaly

© 2003-2009 Associazione Culturale Italia Medievale






Profilo Facebook di Maurizio Calì