home

entra nel sito
eventi
novità
chi siamo
statuto
progetti
personaggi
contributi
convenzioni
segnalazioni
adesioni
mailing list
forum
video
link
Blog

MedioEvo Weblog

Italia Medievale

Libreria Medievale

Arte Medievale

Musica Medievale

Espana Medieval

Europa Medievale
Milano Medievale

Platea Medievale

Polonia Medievale
Galleria Medievale
Poesia Medievale
Siti Medievali
Racconti Medievali
Blog Eventi
Medioevo in Libreria
Premio Italia Medievale
Pisa 1063 A.D.
Terre Viscontee
Premi

© Premio Italia Medievale

© Philobiblon, Premio Letterario Italia Medievale
Concorso ACIM
Canali Video Acim
YouTube
Vimeo
LiveStream
WorldTV
Dailymotion
VodPod
Weoh
ACIM

Medioevo in Tavola

La felpa, la t-shirt e la borsa dell'Acim
Sostienici
Viaggia con noi nell'Italia medievale
Come with us across medieval Italy
Italia Medievale Bookshop

MENU Fotolia
La Maddalena di Senigallia, cronaca di un viaggio da leggenda a realtà
Testo di Anna Pia Giansanti
 
 

Mediateca delle Marche, Ancona 2011. ISBN 978-88-89328-30-9.  euro 15

 

 

Esisteva  a Senigallia un’ avvincente tradizione, riportata da molti storici marchigiani ma da alcuni di questi definita una leggenda, che raccontava del matrimonio di una principessa marsigliese con un nobile della città.
In ricordo della patria lontana la giovane sposa chiese al padre di poter portare con sé a Senigallia delle reliquie della Maddalena e del fratello Lazzaro che lui possedeva. Il padre acconsentì così che  le reliquie giunsero in questa città e furono accolte in una chiesuola periferica che la principessa fece subito costruire allo scopo.
La presenza delle reliquie della Maddalena a Senigallia attrasse ben presto folle di pellegrini e, come spesso accade in queste circostanze, ogni 22 di luglio, giorno in cui si festeggiava  la Santa, si teneva anche un mercato che nel corso degli anni diventò una grande fiera, la Fiera Franca di Senigallia che risollevò le sorti economiche della città.
Le date ipotizzate dagli storici locali erano approssimative e non coincidenti, non venivano riportati i nomi dei protagonisti dell’episodio, non vi era più traccia della chiesuola antica, né delle reliquie.
Poiché  sono convinta che ogni tradizione, per quanto fantasiosa possa apparire, nasconda sempre un fondo di verità, ho riesaminato e confrontato le fonti storiche e ho trovato che qualcuna accennava ad un altro episodio, questa volta definito cronologicamente.
Nel 1444 era stato inviato nelle Marche Bartolomeo Colleoni, quale Capitano Generale di Filippo Maria Visconti, per introdursi  tra gli eserciti di Nicolò Piccinino e Francesco Sforza, genero del Visconti, allo scopo di pacificarli.
Mentre l’esercito del Colleoni era stanziato a Senigallia in attesa di intervenire, Bellino Crotti, cappellano e confessore del Colleoni, scovò all’interno di una chiesuola abbandonata un involto con  delle reliquie ed una pergamena che narrava del matrimonio della principessa. Non venivano descritte le reliquie di Lazzaro, ma si riportava che le reliquie della Maddalena consistevano in un femore ed altri frammenti. I sacri resti furono così portate via da Bellino Crotti e donati a due castelli di proprietà del Capitano di ventura a Rumano e a Covo.
Oggi i due castelli  sono Romano di Lombardia e Covo, due cittadine del Bergamasco dove, con grande emozione, ho ritrovato le reliquie della Maddalena conservate nel Museo d’Arte e Cultura sacra di Romano e il cranio di Lazzaro nella chiesa parrocchiale di Covo.
Di grande interesse sono stati i documenti d’archivio che ho poi potuto esaminare e riportare nel mio studio. Questi mi hanno consentito di ricostruire il viaggio delle reliquie dalle Marche in Lombardia e di raccontare altre suggestive storie. La leggenda era diventata una realtà storicamente documentata.

L'autrice con le reliquie
Ma come era giunto il Principe di Marsiglia a possedere tali reliquie?
La tradizione senigalliese a questo punto si intreccia con la più nota tradizione provenzale narrata da scrittori medievali come Rabano Mauro e Jacopo da Varagine, documentata fin dal  V secolo negli Atti di Saint Maximin e raffigurata da celebri artisti come Giotto nella basilica inferiore di Assisi.
Quando dopo la crocifissione iniziarono le persecuzioni nei confronti dei seguaci di Cristo, Maria di Magdala con Lazzaro, Marta e la serva Sara, Massimino ed altri, furono abbandonati in un barcone senza remi e senza vele perché naufragassero.
Miracolosamente il barcone approdò alle foci del Rodano, secondo alcuni a Saintes Maries de la Mer, secondo altri a Marsiglia.
In Provenza la Santa avrebbe predicato, compiuto miracoli e sarebbe morta dopo trent’anni di eremitaggio nella grotta della Sainte-Baume, non lontana da Aix en Provence. Dunque Maria di Magdala doveva essere stata sepolta lì.
Tuttavia la storia delle reliquie della Maddalena in Francia è molto complessa.
Dapprima fu l’abbazia di Vezelay in Borgogna a vantare di possedere i resti della Santa. Tali resti però, alla riesumazione del 1265, risultarono poco consistenti. Furono allora gli abitanti del villaggio di Saint-Maximin, sorto intorno ad una chiesa dedicata al Santo, nella pianura sovrastata dalla grotta della Sainte-Baume,  che pretesero di possederli.
Le ricerche non approdarono a nulla finché nel 1279 non giunse nella cittadina Carlo II d’Angiò che fece scavare nella cripta della chiesa di S. Massimino dove si trovavano alcuni sarcofagi. In uno di questi le reliquie vennero ritrovate.
Così Carlo d’Angiò fece costruire sul luogo una grande basilica con annesso convento reale e, nello stesso anno, Papa Bonifacio VIII emanò una bolla con cui autenticò le reliquie.
Il racconto è affascinante, ma non privo di incongruenze che trasformano l’episodio in un vero giallo storico: come faceva Carlo d’Angiò a sapere il luogo in cui la Santa era stata sepolta? Come aveva fatto a riconoscere il sarcofago che ne conteneva le reliquie? Perché cacciò via dal luogo i Benedettini e affidò il convento reale ai Domenicani?
Al ritrovamento fu presente quale testimone oculare Salimbene de Adam. Questi nella sua Cronica del 1283 descrisse l’episodio della ricognizione in modo dettagliato affermando che finalmente sarebbero terminate le contese tra gli abitanti di Vezelay e quelli di Senigallia.  Annotando però che lo scheletro risultava mancante di un femore e di altri frammenti, indirettamente confermò l’autenticità delle reliquie senigalliesi.
Quindi al momento della ricognizione in Provenza Senigallia le possedeva già.
Questa è solo una sintesi del tema principale della mia ricerca. Nel libro ho raccontato altre storie ad esso collegate, ho descritto dettagliatamente le reliquie della Maddalena e di Lazzaro e pure tutti i luoghi menzionati che ho avuto modo di visitare.
Ho dedicato poi un capitolo introduttivo all’esegesi magdalenica ed al problema delle tre Marie edun altro all’iconografia della Santa che risulta essere stata la più raffigurata nella storia dell’arte, dopo la Vergine Maria.    
Infine ho analizzato la documentazione relativa agli scavi fatti nel territorio intorno all’attuale  Chiesa settecentesca della Maddalena di Senigallia i cui reperti archeologici, purtroppo quasi totalmente perduti, sarebbero stati di grande significato per conoscere la storia del primo Cristianesimo nella città.   
Il testo è corredato da un repertorio iconografico curato e realizzato da Emiliano Pagani, fotoreporter freelance.

Bookmark and Share


Creative Commons License




Anna Pia Giansanti

Laureata in Lettere a indirizzo storico artistico e archeologico.
Allieva di Paolo Moreno, legata alla scuola di insigni archeologi quali Bianchi Bandinelli,  Mario Napoli, Pugliese Carratelli e Filippo Coarelli, ha frequentato a Roma la Scuola di specializzazione in Archeologia.
E’ stata docente di Storia dell’Arte.
Si è occupata di Didattica dei beni culturali, dell’ Archeologia nell’insegnamento delle discipline storiche, artistiche e letterarie, di Creatività e Comunicazione nell’Arte.
Collabora con docenti dell’Accademia di Urbino e con i Servizi Museali della Pescheria di Pesaro, con progetti volti a dimostrare la continuità tra Arte antica e Arte contemporanea.
Svolge da più di dieci anni attività di docente e conferenziera presso Associazioni Culturali di vari comuni delle Marche, della Romagna e dell’Abruzzo. 
E’ membro della Commissione Cultura nel Consiglio delle Donne del Comune di Senigallia nell’ambito del quale ha partecipato all’organizzazione e alla realizzazione di progetti su temi storico artistici.

Pubblicazioni:

  1. Gli ori di Taranto, topografia di una città coloniale, Teramo 2007
  2. L’Afrodite  anadiomene, storia di un’iconografia, Teramo 2008
  3. Lo sport nell’antichità: la Grecia, in “Il Monitore”, dicembre 2009 Pescara
  4. Lo sport nell’antichità: la Magna Grecia e Roma, in “Il Monitore”,  marzo 2010 Pescara.
  5. Il Complesso di San Domenico Maggiore a Taranto, in “Il Monitore” maggio 2010 Pescara
  6. Donne artiste nel Medioevo, in “Il Monitore”, dicembre 2010 Pescara
  7. La medicina nella Roma antica, in “Il Monitore”, marzo 2011 Pescara
  8. Le immagini del Risorgimento nella pittura italiana dell’Ottocento, Falconara 2011

E’ autrice del libro, “La Maddalena di Senigallia, cronaca di un viaggio da leggenda a realtà”, Mediateca delle Marche 2011   
E’ in via di pubblicazione il libro “Angelica Catalani, la cantatrice dei re”.

Ha pubblicato inoltre su riviste telematiche i seguenti articoli:

La Cripta Rasponi e i giardini pensili, nel Palazzo della Provincia di Ravenna, in Archeomedia

Il gallo e la tartaruga, nel mosaico pavimentale di Aquileia, in Evu

Alle “bocche” del Timavo, in Evus

Santa Maria delle Cerrate, in Evus

Santa Maria del Casale, in Evus

Il castello di Pierosara, in Evus


Da Ercole a San Michele, un culto legato alla transumanza, in Evus

Il Complesso della S.S. Trinità a Venosa, in Evus.

Possiede e segue personalmente un forum dedicato all’Arte e all’Archeologia in artemisiaweb.forumfree.net

Anna Pia Giansanti
Cell.3386968231
artemisia09@gmail.com