ASSOCIAZIONE CULTURALE ITALIA MEDIEVALE

home

entra nel sito
eventi
novità
chi siamo
statuto
progetti
personaggi
contributi
convenzioni
segnalazioni
adesioni
mailing list
forum
video
link
Blog

MedioEvo Weblog

Italia Medievale

Libreria Medievale

Fototeca

Arte Medievale

Musica Medievale

Espana Medieval

Europa Medievale

Platea Medievale

Polonia Medievale
Galleria Medievale
Poesia Medievale
Siti Medievali
Racconti Medievali
Bibliografie Medievali
Blog Eventi
Medioevo in Libreria
Premio Italia Medievale
Pisa 1063 A.D.
Terre Viscontee
Partner
Eubia

Rievocare

Castelli Toscani
Premi

© Premio Italia Medievale

© Philobiblon, Premio Letterario Italia Medievale
Concorso ACIM
Canali Video Acim
YouTube
Vimeo
LiveStream
ACIM

Medioevo in Tavola

La felpa, le t-shirts, il cuscino e la borsa dell'Acim
Sostienici
Viaggia con noi nell'Italia medievale
Come with us across medieval Italy

Gli ultimi anni di Maometto II il Conquistatore nel carteggio sforzesco

di Annamaria Corongiu

La vita di Maometto II il Conquistatore (1432–1481) ha destato l’interesse e la curiosità degli intellettuali europei di ogni epoca e, ai nostri giorni, trova nell’opera monumentale di Franz Babinger, Maometto il Conquistatore e il suo tempo, il punto di riferimento principale da cui attingere qualsivoglia informazione sull’esistenza e l’operato del sultano che tanto terrorizzò l’Occidente nella seconda metà del secolo XV. La ricerca della documentazione conservata presso gli archivi, per lo più italiani, che avevano fornito cinquant’anni or sono al Babinger parte del materiale necessario alla ricostruzione della vita del Conquistatore, era stata per forza di cose limitata. Proprio l’impossibilità di poter esaminare tutto il materiale a disposizione aveva spinto lo storico tedesco a sottolineare nella Prefazione italiana alla prima edizione del volume che «resterà riservato agli studiosi italiani, dopo anni di ricerche e di assidui studi d’archivio, il compito di fornire in investigazioni monografiche documenti ed atti del secolo XV idonei a completare e rettificare il presente lavoro».

Il 1480 e il 1481 si caratterizzano per il fallimento turco delle imprese di Rodi e di Otranto. L’occupazione turca di Otranto, in particolare, come ultima campagna attuata dal Conquistatore, rappresenta un momento cruciale della vita del sultano che, così come auspicava il Babinger, è tuttora suscettibile di ulteriori approfondimenti grazie alla disponibilità del materiale documentario ancora inedito prodotto dagli organismi politici italiani e conservato presso gli archivi della penisola.

Con il presente saggio si intende presentare uno dei primi risultati otuti dallo scavo archivistico effettuato nel carteggio “Potenze Estere” dell’Archivio Sforzesco Ducale, conservato presso la sezione storico-diplomatica dell’Archivio di Stato di Milano. Il carteggio raccoglie la corrispondenza dei Duchi o di altre autorità del Ducato di Milano con gli oratori residenti o altri inviati occasionali accreditati presso i potentati esteri così come con i governi (principeschi o repubblicani) di quegli stessi potentati e con altri corrispondenti, confidenti e interlocutori residenti o transitanti per le capitali o per i territori di quegli stati. L’arco temporale cui si riferisce questa documentazione si estende dal 1450 al 1535.

Per leggere tutto il contributo in formato PDF (224 KB) clicca qui.


Creative Commons License


Profilo Facebook di Maurizio Calì
Bookmark and Share

Annamaria Corongiu

Annamaria Corongiu, nata a Cernusco S/N il 08/06/80

Laureata con lode nel 2004 all'università Cattolica di Milano in Scienze Politiche con una tesi in storia e istituzioni del mondo musulmano dal titolo "La Sicilia degli Altavilla: sincretismi culturali e convivenze" (un estratto su www.infomedi.it

Nel 2008 ha conseguito il dottorato di ricerca in "Il Mezzogiorno tra Europa e Mediterraneo: territorio, istituzioni e civiltà dal Medioevo all'età contemporanea" presso l'Università del Salento con una tesi su: Otranto e i Turchi nel carteggio sforzesco, dai cui è stato estrapolato il saggio su Maometto II (Gli ultimi anni di Maometto II il conquistatore nel carteggio sforzesco). La tesi ha riproposto una ricostruzione della conquista turca di Otranto nel 1480 attraverso l'utilizzo di nuove fonti d'archivio, (catalogate e trascritte da me) ovvero la corrispondenza tra Ludovico il Moro e i suoi ambasciatori a Napoli.

Dal 2006 al 2008 ha collaborato inoltre ad un progetto internazionale tra l'Università Cattolica e gli Emirati Arabi, occupandosi del reperimento di fonti sulla loro storia locale attraverso ricerche d'archivio a Milano e Roma.

Nel 2005-2007 è stata nominata "cultore della materia" per l'insegnamento di Lingua, cultura e letteratura araba all'Università Cattolica di Milano.








© 2003-2010 Associazione Culturale Italia Medievale