home

entra nel sito
eventi
novità
chi siamo
statuto
progetti
personaggi
contributi
convenzioni
segnalazioni
adesioni
mailing list
forum
video
link
Blog

MedioEvo Weblog

Italia Medievale

Libreria Medievale

Arte Medievale

Musica Medievale

Espana Medieval

Europa Medievale
Milano Medievale

Platea Medievale

Polonia Medievale
Galleria Medievale
Poesia Medievale
Siti Medievali
Racconti Medievali
Blog Eventi
Medioevo in Libreria
Premio Italia Medievale
Pisa 1063 A.D.
Terre Viscontee
Partner
Eubia

Rievocare

Castelli Toscani
Premi

© Premio Italia Medievale

© Philobiblon, Premio Letterario Italia Medievale
Concorso ACIM
Canali Video Acim
YouTube
Vimeo
LiveStream
WorldTV
Dailymotion
VodPod
Weoh
ACIM

Medioevo in Tavola

La felpa, la t-shirt e la borsa dell'Acim
Sostienici
Viaggia con noi nell'Italia medievale
Come with us across medieval Italy
Italia Medievale Bookshop

Metodio Santo

di Maria Stelladoro

DA ENCICLOPEDIA TRECCANI

METODIO, santo
Dizionario Biografico degli Italiani - Volume 74 (2010)
di Maria Stelladoro
METODIO, santo. – Nacque nel 789-790 da nobile e ricca famiglia a Siracusa, dove ricevette un’accurata formazione culturale. Nell’810 si recò a Costantinopoli per proseguire gli studi umanistici e fare carriera burocratica. Probabilmente per intervento di Eutimio vescovo di Sardi, che forse M. aveva accompagnato a Costantinopoli nel viaggio di ritorno dall’esilio a Pantelleria, scelse la vita ascetica, che abbracciò nel monastero di Chenolakkos ai piedi dell’Olimpo. A 25 anni era arcidiacono.
Nell’815, quando l’imperatore d’Oriente Leone V l’Armeno iniziò la persecuzione iconoclasta, M. divenne igumeno del monastero di Chenolakkos e di un altro (sembra quello degli Eligmoi in Bitinia) da lui stesso fondato nella diocesi di Kios (non Chios: Janin, 1975, p. 144). Nell’815 il patriarca Niceforo, che aveva ripreso le relazioni con la S. Sede, fu deposto e in aprile il sinodo apertosi in S. Sofia, sotto la presidenza del nuovo patriarca Teodoto Melisseno, aveva sconfessato il concilio di Nicea e riconosciuto, invece, gli atti del concilio iconoclasta del 754. M. lasciò allora Costantinopoli per Roma, dove rimase sino all’821. Per alcuni fu latore di lettere sinodiche a papa Leone III da parte di Niceforo; per altri fu a Roma in volontario esilio per sfuggire alla persecuzione iconoclasta: le due ipotesi potrebbero coesistere. A Roma difese l’ortodossia e, con l’aiuto del vescovo Giovanni di Monemvasia, contribuì al fallimento dell’ambasciata inviata dall’iconoclasta Leone V l’Armeno e dal patriarca Teodoto Melisseno (che aveva anche esiliato i vescovi iconofili) per ottenere l’appoggio di papa Stefano IV. M. e Giovanni di Monemvasia impedirono che il nuovo papa Pasquale I approvasse la lettera sinodica di Teodoto; grazie al loro intervento il papa fu informato della deposizione del patriarca Niceforo, sostituito con l’eretico Teodoto. M. fu latore di un’epistola in greco inviata in risposta da Pasquale I a Leone V l’Armeno; alcuni sostengono che il documento sarebbe arrivato nell’821. Pitra (p. X) afferma che la lettera di Pasquale I fu portata da M. a Leone V nel­l’818; per la communis opinio, invece, M. avrebbe ricoperto la funzione di legato pontificio nell’821 sotto il successore di Leone V l’Armeno; la lettera invitava a seguire la dottrina del concilio di Nicea sul culto delle immagini sacre. Pare che i redattori greci ne stilassero estratti da divulgare a Costantinopoli per confortare gli iconofili. Nello stesso tempo M. e Giovanni consegnarono a Dionisio ed Eufemiano una lettera per Teodoro Studita che, inviando al papa la seconda missiva, ne scrisse in risposta una a M. e Giovanni, dalla quale si evinceva la funzione mediatrice di M. che facilitò l’accesso dei legati provenienti dall’Oriente presso il pontefice. I monaci bizantini a Roma erano ospitati o nel convento di S. Prassede o in quello di S. Saba, diretto dall’archimandrita Basilio. M. avrebbe trovato ospitalità nel primo, di cui sarebbe pure divenuto igumeno (ipotesi non da tutti condivisa: Bernardini, p. 78).
Secondo Anastasio Bibliotecario M. lasciò Roma da sacerdote dopo la morte di Leone V l’Armeno, il che fa supporre che abbia ricevuto lì l’ordinazione canonica.
Intanto a Roma si era diffusa la notizia dell’uccisione di Leone V nella notte di Natale dell’820. M. tornò a Costantinopoli, latore di un documento dommatico papale, sul culto delle immagini, al nuovo imperatore Michele II il Balbo, sotto il cui impero le dispute religiose conobbero un periodo di tregua, ma non si giunse alla restaurazione del culto delle immagini in quanto Michele II, iconoclasta più moderato, proibì ogni discussione su tale divieto che riguardava Costantinopoli e non riconobbe né il concilio di Nicea, né i sinodi iconoclasti.
Tornato a Costantinopoli, M. fu perseguitato da Michele II e da suo figlio Teofilo (829-842), forse perché sospettato di collusione con il ribelle generale Tommaso lo Slavo, o perché lo si reputava calunniatore della corte bizantina presso il papa a Roma; probabilmente M. era sospettato di spionaggio e considerato un emissario di Roma. Non fu, quindi, imprigionato in quanto iconofilo ma perché il legame tra gli iconofili bizantini e Roma aveva suscitato il risentimento dell’imperatore.
Sulla cronologia della prigionia di M. e sul luogo della sua detenzione le fonti non sono concordi. La Vita di Eutimio di Sardi, composta dallo stesso M., ha messo fine alle incertezze riguardo alla sua detenzione: ormai imprigionato da tempo, M. fu rinchiuso in una tomba dell’isola di Sant’Andrea sul litorale bitinico, vicino al capo Acritas, quando, proprio pochi mesi prima che morisse Michele II (829), circolò un libretto, attribuito a M., che profetizzava la morte imminente dell’imperatore (un testo analogo era già stato attribuito a M. durante il suo soggiorno a Roma); nell’831 fu rinchiuso nella stessa prigione anche Eutimio di Sardi, che morì poco dopo assistito dallo stesso M., che, ancora in carcere, ne scrisse, appunto, la Vita; questo dato rende inaccettabile la tradizione che M. sia stato liberato da Michele II. Fu Teofilo che liberò M. poco prima della fine del suo regno e lo fece vivere per qualche tempo a suo fianco a palazzo, facendosi accompagnare varie volte da M. nelle sue spedizioni militari contro i Saraceni, forse perché temeva che la sua presenza a corte potesse nuocergli.
C’è chi sostiene che M. sia rimasto a corte come moderatore della politica religiosa di Teofilo e che, uscito dal carcere, sia passato nel Sigma, costruito nell’840.
Il 20 genn. 842, alla morte di Teofilo, Giovanni Grammatico fu deposto dal patriarcato e allontanato, mentre M. fu esiliato in Bitinia, nel suo convento degli Eligmoi, dove trascrisse (durante la quaresima dell’842) i Sette Salteri. Per altri, M. fu igumeno del monastero costantinopolitano dei Ss. Sergio e Bacco (in quest’ultimo caso Stiernon ipotizza una possibile confusione con Giovanni Grammatico).
Alla morte di Teofilo il figlio e successore Michele III aveva tre anni e la reggenza fu assunta dalla madre, Teodora. Il 4 marzo 843 M. fu eletto patriarca di Costantinopoli.
Forse M. più degli altri personaggi proposti garantiva a Teodora e alla sua corte una soluzione non estremistica al problema del secondo iconoclasmo. Il nuovo governo considerò la restaurazione del culto delle icone come il compito primario e più urgente. Eppure, a differenza di Irene, Teodora e M. non ritennero necessaria l’approvazione di Roma per la restaurazione del culto delle immagini: era necessario che Bisanzio si liberasse della sovranità di Roma dopo che l’Occidente si era sottratto alla supremazia dell’Oriente.
La solenne cerimonia di intronizzazione fu celebrata l’11 marzo 843 in S. Sofia. Nel discorso inaugurale M., pur esprimendo soddisfazione per il trionfo dell’iconodulia, esortava al perdono e, piuttosto che a vendicarsi degli iconoclasti, invitava a indurli a spontanea conversione. Michele il Sincello (già igumeno del monastero di Chora) divenne suo vicario generale alla morte di Simeone di Lesbo.
M. lottò contro gli iconoclasti, ma anche contro i rigoristi studiti; fece restaurare dal monaco Lazzaro il Kazaro l’icona di Cristo della Chalki, distrutta da Leone III; intervenne nella traslazione a Costantinopoli delle spoglie di Teodoro Studita e di Giuseppe, suo fratello; ordinò il trasferimento di Teofilatto di Nicomedia dal luogo dell’esilio nella sua città episcopale; presiedette alla dedica del restauro delle immagini; depose gli abati iconoclasti e i vescovi iconomachi relapsi ma la sua moderazione suscitò il malcontento dei monaci studiti e fu quindi costretto ad applicare l’anatema canonico e poi la deposizione (845-846); riconobbe i canoni del II concilio di Nicea (787) e ripristinò il culto delle immagini sacre per cui la Chiesa greco-ortodossa celebra annualmente, nella prima domenica di quaresima, la festa dell’ortodossia (istituita da M. l’11 marzo 843): la sconfitta dell’iconoclastia rappresentava a Bisanzio il fallimento del tentativo di subordinare completamente la Chiesa al potere statale. Un anno dopo, il 2 marzo 844, fu letto pubblicamente il famoso Synodikon, redatto da M., canone per la vittoria dell’ortodossia (Analecta hymnica Graeca, X, p. 343 e n. 2; Patr. Graeca, XCIX, coll. 1768-1780) in cui si inneggiavano gli iconofili prima in forma impersonale e poi nominando i patriarchi, i vescovi e i monaci. A differenza del periodo di Irene, la svolta ecclesiastica avvenne senza attriti sicché Teodora e Teoctisto, con l’appoggio di M., liquidarono con prudenza il precedente sistema, dimostrando grande diplomazia nei confronti degli ex iconoclasti.
Eppure tale politica non godette dell’assenso degli zeloti, per cui si riaprì l’antico scisma. Nonostante Teodora, fervente ortodossa, chiedesse perdono per il marito, l’iconoclasta imperatore Teofilo, i suoi seguaci a corte aspettavano una mossa falsa di M. per spingere Teodora all’eresia. M. ricorse alla moderazione contrariamente all’opinione dei monaci studiti e così Teofilo non fu scomunicato quale eretico. Per i capi, i recidivi e gli estremisti si era optato per la condanna, al doppio fine di epurare la gerarchia e di reintegrare elementi nuovi.
M. non scelse i suoi vescovi tra gli studiti ortodossi probabilmente perché temeva la loro rigidità nell’applicazione dei canoni e il loro eccesso di zelo, che poteva ricondurre la corte all’iconoclastia. La sua scelta ricadde su vescovi ortodossi più elastici.
Morì a Costantinopoli il 14 giugno 847. Fu sepolto nella chiesa dei Ss. Apostoli.
Il suo nome fu inserito nelle acclamazioni della domenica dell’Ortodossia. Il 14 giugno è celebrato nella Chiesa occidentale e nei menei bizantini, mentre nelSynaxarium Ecclesiae Constantinopolitanae la sua ricorrenza è fissata al 15 giugno; l’iscrizione al 5 novembre nel calendario marmoreo di Napoli sembra una contaminazione della festa di Giovanniccio. Gli sono attribuiti due miracoli. Una trentina d’anni dopo la sua morte, Anastasio Bibliotecario, scrivendo a Carlo il Calvo, informava che M., dalla sua elezione al patriarcato, era stato da tutti venerato come santo.

Pitra (pp. 353-355) elenca trentotto scritti di M. di cui si ricordano: Encomio di s. Agata (Bibliotheca hagiographica Graeca [=B.H.G.], I, n. 38; Stelladoro); Vita di Eusebio Alessandrino (B.H.G. e Novum auctarium B.H.G., n. 635x); la già citataVita di Eutimio di Sardi (Gouillard, 1987), che pare risalire al periodo della sua reclusione a Sant’Andrea e quindi all’inizio dell’832; Vita di s. Nicola di Mira(B.H.G., II, n. 1362y; il cosiddetto Methodius ad Theodorum: testo in Anrich), scritta probabilmente per Teodoro Cratero, tra l’821 e l’838 (Šev?enko,Hagiography, pp. 17 s.); l’Encomio in s. Nicolaum ep. Myrrensis, collocabile intorno all’838-840, attribuito a M. dalla più antica tradizione manoscritta (ma alcuni preferiscono restituirlo a Basilio di Lacedemonia). Se è credibile la tradizione che attribuisce a M. la composizione del De Ioanne auctoris patre (B.H.G., II, n. 1357), allora suo padre si chiamerebbe Giovanni, devotissimo a s. Nicola dal quale sarebbe stato salvato da naufragio (Anrich, pp. 169 s.). Vita di s. Teofane il confessore(B.H.G., II, n. 1787z), che pare composta dopo la traslazione del santo (822). Sono attribuite a M. numerose composizioni liturgiche (cfr. Follieri).
La raccolta agiografica di Parigi e il Corpus dionisiaco di Londra non sono le sole testimonianze dell’attività di copia del patriarca Metodio. All’attività di copista esplicata da M. a Roma si attribuisce la trascrizione delle opere dello Pseudo Dionigi e di una raccolta agiografica in due volumi (Canart).
La Vita Methodii è stata editata da ultimo da Beck (1959, pp. 496-498), che l’ha sintetizzata. L’opera, anonima, è stata attribuita a Gregorio Asbesta, allievo prediletto di M., pure oriundo di Sicilia ma da anni trapiantato a Costantinopoli, divenuto poi arcivescovo di Siracusa (B.H.G., II, n. 1278).
Per l’iconografia di M. cfr. Stiernon.
Fonti e Bibl.: Anastasius Bibliothecarius, Epistolae sive Praefationes, in Mon. Germ. Hist., Epistolae, VII, 2, Berolini 1928, p. 441; J.-P. Migne, Patr. Gr., IV, coll. 669-684; XVIII, coll. 397-404; C, coll. 1231-1272, 1286 s., 1308-1317; Theophanes Continuatus, Chroniconibid., CIX, coll. 129-132, 173; Constantinus Porphyrogenitus, De caerimoniisibid., CXII, col. 280; Michael Glycas, Annales, a cura di I. Bekker, Bonnae 1836, pp. 537 s.; Constantinus Manasses, Breviarium historiae metricum, a cura di I. Bekker, Bonnae 1837, pp. 209 s.; Theophanes Continuatus…, Symeon magister…, a cura di I. Bekker, Bonnae 1838, pp. 642-644; Georgius Cedrenus, Annales, II, a cura di I. Bekker, Bonnae 1839, pp. 73, 116 s.; De Immacolata Deiparae Conceptione hymnologia Graecorum, a cura di T. Toscani - I. Cozza, Romae 1862, pp. 112 n. 23, 178 n. 11; Theodorus Studita, Epistolae, inNova patrum bibliotheca, a cura di A. Mai, VIII, Romae 1871, p. 165; Vita Ioannicii, in Acta sanctorum novembris, II, 1, Bruxellis 1894, p. 372; Iohannes Zonara, Epitomae historiarum, III, a cura di W. Büttner Wobst, Bonnae 1897, pp. 338 s., 374 s.; Acta Graeca ss. Davidis…, in Analecta bollandiana, XVIII (1899), p. 237; Synaxarium Ecclesiae Constantinopolitanae…, a cura di H. Delehaye, inPropylaeum ad Acta sanctorum novembris, Bruxellis 1902, coll. 345, 749-754;Vita Michaelis Syncelli, a cura di Th. Schmitt, in Bulletin de l’Institut archéologique russe, XI (1906), pp. 247 s.; Les regestes des actes du patriarcat de Constantinople, II, Les regestes de 715 à 1043, a cura di V. Grumel, Paris 1936, pp. 42-64 nn. 414-443; Analecta hymnica Graeca, III, a cura di A. Kominis, Romae 1972, pp. 134-145, 569-572; IV, a cura di A. Kominis, ibid. 1976, pp. 279-287, 343, 817-820, 829 s.; X, a cura di A. Acconcia Longo, ibid. 1972, pp. 50-62, 339-344; P. Carrera, Delle memorie historiche della città di Catania, II, Catania 1641, pp. 15-37; J. Goar, Euchologion sive Rituale Graecorum, Lutetiae Parisiorum 1647, p. 126; G.B. De Grossis, Agatha Catanensis, Catanae 1656, pp. 234 s.; L. Allacci, De Methodiorum scriptis diatriba, in Id., S.P.N. Methodii episcopi et martyris Convivium decem virginum, Romae 1656, pp. 365-368; G.B. Pitra, Iuris ecclesiastici Graecorum historia et monumenta, II, Romae 1868, pp. X, 48, 354, 363 s., 455-457; D.G. Lancia di Brolo, Storia della Chiesa in Sicilia nei dieci primi secoli del cristianesimo, II, Palermo 1884, pp. 217-239; Theophanis Chronographia, a cura di C. De Boor, II, Lipsiae 1885, pp. 3-12, 28-30; C. Sakkelion, Catalogue des manuscrits de la Bibliothèque nationale de Grèce, Athènes 1892, p. 133; J. Pargoire, St Euthyme et Jean de Sardes, in Échos d’Orient, V (1901-02), pp. 157-161; Id., St Méthode de Constantinople avant 821,ibid., VI (1903), pp. 126-131; Id., St Méthode et la persécutionibid., pp. 183-191; E. von Dobschütz, Methodius und die Studiten, in Byzantinische Zeitschrift, XVIII (1909), pp. 41-105; G. Anrich, Hagios Nikolaos. Der heilige Nikolaos in der griechischen Kirche, I, Leipzig-Berlin 1913, pp. 140-150, 169 s.; Methodii patriarchae Constantinopolitani Vita S. Theophanis confessoris, a cura di A. Latyaev, in Mémoires de l’Académie des sciences de Russie, s. 8, XIII (1918), 1, pp. IX, 1-40; S.G. Mercati, Sull’epigramma di M. patriarca, in Bessarione, XXIV (1920), pp. 192-199; R. Janin, Les îles des Princes, in Échos d’Orient, XXIII (1924), pp. 317 s.; J.B. Papadopoulos, Les ruines de l’île de Antigoni, in Byzantinisch-neugriechische Jahrbücher, V (1927), pp. 85 s.; V. Grumel, La politique religieuse du patriarche saint Méthodeibid., XXXIV (1935), pp. 385-401; A. Ehrhard,Überlieferung und Bestand der hagiographischen und homiletischen Literatur der griechischen Kirche, I-III, Leipzig-Berlin 1937-52, ad ind.; H. Delehaye,Hagiographie napolitaine, in Analecta bollandiana, LVII (1939), pp. 39 s.; D. Mallardo, Il calendario marmoreo di Napoli, Roma 1947, p. 159; H. Moretus Plantin, Les Passions de st Denys, in Mélanges offerts au R.P. Ferdinand Cavallera, Toulouse 1948, pp. 229 s.; E. Mioni, L’encomio di s. Agata di M. patriarca di Costantinopoli, in Analecta bollandiana, LXVIII (1950), pp. 58-93; R. Loenertz, La légende parisienne de st Denys l’Aréopagiteibid., LXIX (1951), p. 236; F. Dvornik, Lo scisma di Fozio, a cura di G. Pacchiani, Roma 1953, pp. 17-35; H.G. Beck, Kirche und theologische Literatur im byzantinischen Reich, München 1959, pp. 496-498, 557 s.; J. Gouillard, Une oeuvre inédite du patriarche Méthode: la vie d’Euthyme de Sardes, in Byzantinische Zeitschrift, LIII (1960), pp. 36-46; C. Mango, Materials for the study of the mosaics of St. Sophia at Istanbul, Washington 1962, pp. 51-53, 55 tavv. 61 s., 66-68; A. Frolow, Le Christ de la Chalcé, in Byzantion, XXXIII (1963), pp. 107-120; H. Ahrweiler, Sur la carrière de Photius avant son patriarcat, in Byzantinische Zeitschrift, LVIII (1965), p. 350; G. De Andrés Martínez, Catálogo de los códices griegos de la Real Biblioteca de El Escorial, II, Madrid 1965, p. 333; S. Cirac Estopañán, Skyllitzes Matritensis, I, Barcellona-Madrid 1965, ad ind.; J. Darrouzès, Documents inédits d’ecclésiologie byzantine, Paris 1966, ad ind.; E. Follieri, Initia hymnorum Ecclesiae Graecae, V, 2, Città del Vaticano 1966, p. 238; J. Gouillard, Le Synodikon de l’orthodoxie. Édition et commentaire, in Travaux et mémoires, II (1967), pp. 1-316; D. Stiernon,M. I, il Confessore, in Bibliotheca sanctorum, IX, Roma 1967, coll. 382-393 (con bibl.); E. Tomadakis, Un problema di innografia bizantina: il rimaneggiamento dei testi innografici, in Bollettino della Badia greca di Grottaferrata, n.s., XXVI (1972), p. 5 n. 6b; I. Doens - Ch. Hannick, Das Periorismos-Dekret des Patriarchen Methodios I. gegen die Studiten Naukratios und Athanasios, in Jahrbuch der Österreichischen Byzantinistik, XXII (1973), pp. 93-103; R. Janin, Les églises et les monastères des grands centres byzantins, Paris 1975, pp. 53-55, 63-65, 136-139, 144-146, 151 s., 189 s., 195-199, 213 s.; L. Bernardini, M. I, patriarca di Costantinopoli (843-847), vincitore del II iconoclasmo, in Oriente cristiano, XVII (1977), 1, pp. 42-66; 2, pp. 32-81; 3, pp. 50-67; 4, pp. 25-32; XVIII (1978), 1, pp. 33-54; XIX (1979), 1-2, pp. 40-57; I. Šev?enko, L’agiografia bizantina dal IV al IX secolo, in La civiltà bizantina dal IV al IX secolo, Bari 1977, pp. 87-173; Id.,Hagiography in the iconoclast period, in Iconoclasm, a cura di A.A. Bryer- J. Herrin, Birmingham 1977, pp. 17 s., 113-131; P. Canart, Le patriarche Méthode de Constantinople copiste à Rome, in Palaeographica, diplomatica et archivistica. Studi in onore di G. Battelli, Roma 1979, I, pp. 350, 353-363; A. Grabar - I. Manoussacas, L’illustration du manuscrit de Skylitzes de la Bibliothèque nationale de Madrid, Venezia 1979, ad ind.; N.B. Tomadakis, Ancora «iconodulia» e «iconofilia», in Epeteris Hetaireias Byzantinon Spoudon. Annuaire de l’Association d’études byzantines, XLIV (1979-80), p. 282; H.G. Beck, Geschichte der orthodoxen Kirche im byzantinischen Reich, Göttingen 1980, pp. 89 s.; S.J. Voicu - S. D’Alisera, Index in manuscriptorum Graecorum edita specimina, Roma 1981, pp. 382 s.; H. Löwe, Methodius in Reichenauer Verbrüderungsbuch, in Deutsches Archiv für Erforschung des Mittelalters, XXXVIII (1982), pp. 341-362; I. Šev?enko, Ideology, letters and culture in the Byzantine world, London 1982, pp. 17 s.; C. Crimi, L’encomio «lacerato». A proposito di un apocrifo secentesco su s. Agata, in Synaxis, III (1985), pp. 387-412; J.-M. Hussey, The Orthodox Church in the Byzantine Empire, Oxford 1986, pp. 53-65, 67, 69-71, 102; S. Marino,Considerazioni sulla personalità di M. I, patriarca di Costantinopoli, in Culto delle immagini e crisi iconoclasta. Atti del Convegno di studi, Catania… 1984, Palermo 1986, pp. 117-126; C. Crimi, Ancora sull’encomio «lacerato», in Synaxis, V (1987), pp. 261-275; G. Da Costa-Louillet, Le patriarche Méthode contre les iconoclastes et les stoudites, in Revue des études byzantines, XLV (1987), pp. 15-57; La Vie d’Euthyme de Sardes († 831) une oeuvre du patriarche Méthode, a cura di J. Gouillard, in Travaux et mémoires, X (1987), pp. 1-101; J. Kuliè, Ricerca sulle commemorazioni giornaliere nei menei bizantini, Roma 1992, pp. 165 s.; K.-P. Todt, Methodius, in Biographisch-bibliographisches Kirchenlexikon, V, Herzberg 1993, coll. 1209-1212; B. Zielke, Methodius I., in Die Patriarchen der ikonoklastischen Zeit, a cura di R.-J. Lilie, Frankfurt 1999, pp. 183-260; A. Acconcia Longo, Vite, passioni, miracoli dei santi, in Lo spazio letterario del Medioevo, III, 1, La cultura bizantina, a cura di G. Cavallo, Roma 2004, pp. 183-227; Id., Santi siciliani di età iconoclasta, in Euplo e Lucia 304-2004. Atti del Convegno… 2004, a cura di T. Sardella - G. Zito, Catania 2005, p. 305; C. Crimi, S. Agata a Bisanzio nel IX secolo. Rileggendo M. patriarca di Costantinopoliibid., pp. 143-163; M. Stelladoro, Agata. La martire, Milano 2005, ad ind.; Id., S. Agata vergine e martire tra storia devozione e culto, in Agorà, VII (2006-07), 27-28, pp. 30-37; A. Acconcia Longo, I santi nell’innografia liturgica bizantina (sec. VI-IX), inLiturgia e agiografia tra Roma e Costantinopoli. Atti del I e II Seminario di studio…, a cura di K. Stantchev - S. Parenti, Grottaferrata 2007, pp. 59-72;Lexikon für Theologie und Kirches.v.; Dictionnaire de théologie catholique, s.v.;Dictionnaire de spiritualité ascétique et mistiques.v.; Lexikon der christlichen Ikonographie, VII, coll. 13 s.; Bibliotheca hagiographica Graeca, I, nn. 38, 377a, 554d, 635x, 990z, 991c, 992, 1167m; II, nn. 1278, 1357, 1362y, 1787; Bibliotheca hagiographica GraecaAuctarium, n. 991c; Bibliotheca hagiographica Graeca,Novum auctarium, nn. 554d, 635x, 2145; Dumbarton Oaks hagiography database, Washington 1998, pp. 68 s.; hhp://www.doaks.org.
M. Stelladoro

Bookmark and Share


Creative Commons License



Maria Stelladoro

Maria Stelladoro è docente ordinario di lettere classiche e specialista in paleografia e codicologia greca presso la Scuola Vaticana di Paleografia, Diplomatistica e Archivistica. Ha pure conseguito un perfezionamento in Studi Patristici e Tardo Antichi presso l'Istituto Patristico Augustiniano della Pontificia Università Lateranense e due perfezionamenti in Paleografia e Codicologia Greca e titolo equipollente al dottorato di ricerca.

Ha pubblicato saggi di agiografica siciliana greco-latina e di paleografia greco-latina su riviste specializzate (Bollettino della Badia Greca di Grottaferrata, Analecta Bollandiana di Bruxelles, Codices Manuscripti di Vienna, Hagiographica del SISMEL, Studi sull'Oriente Cristiano) e ha partecipato a Convegni Internazionali i cui Atti sono stati pubblicati in Studia Ephemeridis Augustinianum di Roma) e a progetti di ricerche pubblicate in Raccolta di Studi Internazionali su Pecia Resourcess en Médiévistiques a Saint-Denis.

Socio ordinario dell'Associazione Italiana per lo Studio dei Santi, dei Culti e dell'Agiografia promossa dal Dipartimento di Studi Storici, Geografici e Antropologici della Facoltà di Lettere e Filosofia dell'Università degli Studi di Roma Tre.

Di recente ha pubblicato la monografia Agata. La martire. Dalla tradizione greca manoscritta, Milano, Jaka Book, 2005. Euplo/Euplio martire. Dalla tradizione greca manoscritta, Edizioni San Paolo, Cinisello Balsamo 2006, Lucia la martire, Jaca Book 2010.

Clicca sulle copertine qui sotto per accedere alle schede nei siti degli editori.








jQuery Gallery by VisualLightBox.com v4.0m