Associazione Culturale Italia Medievale

Promozione e valorizzazione del patrimonio culturale e artistico del medioevo italiano
index
eventi
novità
cariche
statuto
progetti
convenzioni
segnalazioni
adesioni
mailing list
link
forum
medioevo weblog
area riservata
Partner
www.eubia.it
Castelli Toscani

La Regata Storica delle Antiche Repubbliche Marinare

di Mariantonietta Sorrentino

La Regata Storica delle Antiche Repubbliche non è solo una manifestazione squisitamente marinara, creata ed alimentata per attrarre frotte di turisti. Il suo "pedigree" è di tutto rispetto, vista anche la partecipazione di altre potenti del mare, quelle repubbliche che hanno arpionato la storia con una presenza costante nello spazio e nel tempo.

Amalfi
Genova
Pisa
Venezia

Amalfi, ossia una delle perle più scintillanti di una Costiera ambìta dagli stranieri. Amalfi, elegante biglietto da visita per la regione e il Mezzogiorno d'Italia.

Complice il mare, la riconosciuta amenità della costa amalfitana e le sue radici, la cittadina rivierasca rimane un richiamo costante che unisce, con un unico filo rosso, i primi intellettuali del Grand Tour a noi.

E se una leggenda la racconta nata dall'amore infelice di Ercole per la ninfa Amalfi, la storia la vuole fondata ad opera di alcune famiglie romane, dopo la morte di Costantino.

Imbarcate per Costantinopoli, ma costrette all'approdo da una tempesta nel golfo di Policastro, avrebbero fondato "Melphes", l'attuale Melfi, e trasferendosi più a nord l'attuale Amalfi.

I rapporti con l'Oriente le regalarono uno dei momenti più floridi della sua storia repubblicana: era l'epoca in cui si fondavano ospedali e fondachi sull'altra sponda del Mediterraneo, mentre la città acquisiva vigore economico e peso politico.

Amalfi si tiene ben stretto l'evento di quest'anno: è la cittadina campana a vantare la nascita della manifestazione negli anni '50 del secolo scorso.

Agli inizi di giugno il leone, l'aquila, il grifone e il cavallo alato si misurano a forza di remate in una gara imperdibile. L'agone si disputa tra quattro imbarcazioni, con equipaggi di otto vogatori più il timoniere.

Recentemente rifatte in vetroresina, esse sostituiscono le precedenti in legno, riprodotte sul modello dell'epoca e contraddistinte dai rispettivi simboli cittadini.

Dietro tutto ciò le tracce vistose della storia.

Fra l'XI e il XIII secolo le Repubbliche marinare avevano esteso la loro egemonia sul Mediterraneo. Chi altri meglio di loro intratteneva fiorenti traffici anche con il vicino Oriente? E dove c'è commercio c'è rivalità, feroce ambizione e sete di guadagno.

Niente da meravigliarsi, quindi, se tra le quattro signore del mare vigesse una indubbia e legittima concorrenza.

E questa situazione viene rievocata attraverso un agone cui partecipano imbarcazioni relativamente simili ai galeoni medioevali.

Ma la Regata è il momento culminate di un evento che stravolge i ritmi della quotidianità.

Vicende e personaggi famosi delle quattro Repubbliche sfilano in corteo, volto a ricordare episodi e momenti rilevanti della loro storia.

E se Venezia mostra la ricchezza raggiunta nel Quattrocento, rinnovando l'episodio di Caterina Cernano, regina di Cipro, che donò l'isola alla Repubblica di S. Marco, Genova presenta la sua organizzazione comunale della fine dell'XI sec., esaltando la nobile figura di Guglielmo Embriaco.

Non è da meno Pisa.

La città toscana offre uno squarcio storico della sua organizzazione comunale prima della sconfitta della Melora (1284), e non solo.

Amalfi esibisce la società marinara e mercantile degli anni intorno al Mille attraverso i suoi costumi di foggia bizantina, e con un corteo nuziale.

Chi ne sono protagonisti: Giovanni I, figlio oltre che co-reggente del doge Mansone I, e la nobildonna salernitana Regale.

II corteo storico parte da Atrani, dalla chiesa di S. Salvatore de Birecto nella quale i duchi ricevevano i segni della loro investitura, per arrivare ad Amalfi.

Cosa c'è di meglio per la "location" della Cattedrale di S. Andrea in piazza Flavio Gioia?

E' in piazza che si attende l'inizio della gara remiera, con partenza dal Capo di Vettica, a 2000 m verso ovest, ed arrivo nello specchio d'acqua antistante Amalfi.

Le emozioni sono assicurate: è serrato l' agone nel quale sono impegnate le imbarcazioni.

Forte dei suoi arsenali, Amalfi, testimonia anche attraverso queste strutture il suo ridondante passato mercantile.

In essi, che si estendevano fino all'attuale banchina, si svolgevano le attività della marineria amalfitana.

Degli antichi arsenali medievali, risalenti al XI sec., oggi rimangono solo due ampie corsie, lunghe circa 40 m., coperte da eleganti volte a crociera, con archi ogivali che scaricano su una serie di dieci possenti pilastri centrali.

Danze, duelli, fiaccolate sono dettagli obbligatori per la Regata.

Amalfi, è il caso di dire, è il Medioevo sul mare con tanto di effetti speciali e una storia a fare da padrona.

Dott.ssa Sorrentino Mariantonietta

E-manager network turistici, ambientali e culturali

mara.55@tin.it

Vivo a Salerno dalla nascita.

Una città mediterranea la mia, vocata al Turismo, indaffarata in un restyling di tutto rispetto.

Eppure ho accarezzato più volte il desiderio di essere altrove, lontana dalla concitata vita cittadina.

Questo desiderio ha alimentato la mia passione per il Parco Nazionale del Cilento e del Vallo di Diano (Sa), che mi ospita fin da ragazza per le ferie. Sentimenti, ricordi ed emozioni mi legano ai suoi 180.000 ettari, alle sue forre, alle calette, alle sorgenti chiacchierine come comari alla fontana, al suo seducente carsismo, ai paesi e casolari, alla raccolta dell'origano ,degli asparagi, delle castagne e delle fragole di bosco.

I suoi sentieri si inerpicano per aprirsi, poi, in radure. Una civiltà , un mondo, una cultura :  sirene dalle quali non sono mai riuscita a staccarmi. Ideologicamente credo non si possa crescere se non favorendo la crescita altrui. Il Parco sta lentamente assumendo coscienza della sua identità, un territorio protetto da quasi quindici anni per Decreto Presidenziale.

Con gli anni ho maturato varie esperienze e una formazione da mettere a frutto.Il mio lavoro e questo sito si avvalgono di queste conoscenze, e di due Corsi di Specializzazione.

Laureata in Lingue e Letterature Straniere Moderne , dal 1994 al 2000 ho collaborato con la Rivista Economica "Il Follaro", organo ufficiale della Camera di Commercio di Salerno, occupandomi della valorizzazione dei Beni Culturali ,da me, intesi in senso lato.

Ho mantenuto rubriche mie su diversi webzine. Alcuni miei apporti sono ancora fruibili on line come "Mediterraneo" di Simonelli editore, Milano.

Da cinque anni sono consulente di Marco Hagge, Rai 3 "Bellitalia", per il territorio di Salerno e Provincia.

Negli anni sono stati realizzati dieci servizi giornalistici aventi per oggetto itinerari inediti del Parco Nazionale del Cilento e del Vallo di Diano, di Salerno, di Cava dè Tirreni e della Costiera Amalfitana.

Da circa tre anni curo un Corso di Storia e Tradizioni locali presso le Associazioni Auser ed Uste, sede di Salerno.

Ho creato un sito professionale www.itineraria.info.

Ho partecipato al I° Seminario di Informazione e Ambiente per lo Sviluppo Sostenibile organizzato dall'Ente Parco Nazionale del Cilento e del Vallo di Diano.

La mia formazione si è completata con un Master per E-Manager networks turistici, culturali ed ambientali, voluto dal Ministero Istruzione Università e Ricerca.

Tra gli articoli pubblicati:
¨ In viaggio nel Cilento antico
¨ I Maestri dell'intaglio del legno tra '800 e '900 nel salernitano
¨ Le acque del salernitano: fattori di crescita socioeconomica
¨ Le "Riggiole di Rufoli": un cotto sonoro
¨ Il presente si veste d'antico
¨ Arti, mestieri e notabili della Roscigno preunitaria
¨ Antichi organi ed organari del salernitano
¨ I monti frumentari del Principato Citeriore
¨ Laurino ed i suoi echi di gloria feudale
¨ Il pianoro di Monte Pruno: proposta per un villaggio archeologico
¨ L'Ars Tanarie nel salernitano
¨ Gli antichi strumenti del Cilento e Vallo di Diano

Figuranti del corteo storico di Amalfi

Link

Il sito ufficiale del Comitato Organizzatore del Comune di Amalfi

Programma della 50^ edizione Regata Antiche Repubbliche Marinare Italiane - Amalfi 5 giugno 2005



© 2002 - 2005 ACIM