ASSOCIAZIONE CULTURALE ITALIA MEDIEVALE

Le voci di Giovanna d'Arco
Sabato 29 settembre 2007, alle ore 17,00 alla Libreria Tenporibus Illis, in Via Battaglia 21/ang.via Bergonzoli, Milano. L'Associazione Culturale Italia Medievale è lieta di invitarvi alla presentazione dell'ultimo libro di Andrea Albini, “Le voci di Giovanna d'Arco. Nuove indagini sulla pulzella d'Orléans”. (Avverbi Edizioni, 2007 pp. 264, € 16,00).
clicca sulla locandina per ingrandirla e stamparla in formato A4.

C’è una parola che si lega fortemente alla straordinaria vicenda personale e storica di Giovanna d’Arco: mistero.

È infatti un enigma capire cosa spinse nel Quattrocento una giovane contadina di diciotto anni a mettersi a capo di un esercito e a “salvare la Francia” liberando la città di Orleans.

Un rompicapo ancora più grande è l’origine delle “voci” che Giovanna sentiva e alla quali ubbidì ciecamente fino alla drammatica morte sul rogo.

Le voci di Giovanna D’Arco offre risposte e interpretazioni di tale mistero, con un’ampia, aggiornata e documentata carrellata di interventi di storici e studiosi, in particolare medici e psicologi.

L'autore

Andrea Albini è tecnico presso l’Università di Pavia, dove si occupa dello studio dei materiali per l’ingegneria elettrica. Oltre a una serie di lavori scientifici, ha pubblicato numerosi articoli divulgativi su riviste e quotidiani italiani.

Introduzione

In un mondo in cui sembra che solo i potenti siano in grado di fare la Storia, poche figure hanno colpito l’immaginazione come Giovanna d’Arco. Ne sono testimoni gli innumerevoli libri e i tanti film che ne raccontano la vicenda. Questa giovane risoluta vissuta nel XV secolo, tra i diciotto e i diciannove anni, seguendo l’incitamento di “voci” che lei sola era in grado di sentire, decise di “salvare la Francia” liberando la città di Orléans e conducendo all’incoronazione il legittimo pretendente al trono. La sua gioventù, le umili origini, la purezza di spirito, l’eccezionale volontà e infine la morte atroce sul rogo hanno contribuito a farla entrare nella leggenda, ove è presentata come un’eroina e una martire, senza contare che quasi cinque secoli dopo la sua morte è stata proclamata santa.

Considerando che Giovanna d’Arco ha avuto una vita così fuori del comune, non sorprende che, accanto agli studiosi di storia e ai letterati, anche uomini di scienza abbiano voluto esprimere la loro opinione su di lei. A cominciare da alcuni famosi alienisti francesi dell’Ottocento, come Louis-Florentin Calmeil o Brièrre de Boismont, numerosi medici e scienziati si sono interrogati nel tempo a proposito di una possibile analisi dei processi mentali di Giovanna. Subito lo spinoso nodo della questione è diventato decidere se in questo esercizio di “medicina retrospettiva” si possa parlare di “devianza” dai comportamenti normali che ci si aspetterebbe da una ragazza come lei; e se una simile devianza sia stata patologica oppure no. Per tutto l’Ottocento l’approccio scientifico si è confuso o è venuto a patti, particolarmente in Francia, con lo scontro tra chi voleva fare di Giovanna d’Arco soprattutto un’eroina nazionale e una santa, e chi si opponeva, per ragioni sociali o politiche, alla sua “istituzionalizzazione”. In altri Paesi, ove questo tipo di dibattito non era sentito, molti autori hanno preferito considerare Giovanna una curiosità, oppure classificarla nei comodi termini dell’eccezionalità patologica o in quelli, ora in disuso, dell’isteria. Durante il Novecento anche la psicanalisi si è interessata alla Pulzella d’Orléans (come abitualmente è indicata Giovanna d’Arco) e sono state presentate teorie secondo le quali l’eccezionalità del suo comportamento derivava da una condizione di sofferenza dovuta a cause patologiche: le stesse che hanno afflitto molti personaggi celebri della storia. Arrivando ai nostri giorni, altri medici hanno tentato di verificare se Giovanna d’Arco possa essere inserita nelle classificazioni diagnostiche più moderne utilizzate per i disturbi mentali. Altri, infine, hanno preferito ipotizzare una malattia organica del cervello che, invece di debilitarla, avrebbe amplificato le sue motivazioni più intime. Ma l’interpretazione patologica si scontra con le opinioni di chi pensa che la lettura medica, in termini di psicopatologia, delle esperienze mistiche e spirituali non tenga conto della loro unicità e del fatto che sono indissolubilmente legate al sistema di valori e di credenze di chi le prova.

È chiaro che una qualsiasi interpretazione scientifica sarebbe in grado di risolvere solo una parte del puzzle rappresentato dalla vita di questo personaggio. Il mistero di Giovanna d’Arco è definito dalle circostanze storiche in cui visse e agì, e da una volontà fortissima, che appare fuori dal comune per un’incolta contadina del Medioevo. È questa, forse, la ragione principale per cui scrittori, storici e letterati si sono occupati molto presto della Pulzella: e in modo quasi ossessivo, se consideriamo la cifra di oltre mille opere, incluse quelle cinematografiche, che trattano di lei. Secondo Philippe Contamine, uno studioso francese, la vicenda di Giovanna d’Arco ha suscitato attraverso i secoli una storiografia non soltanto abbondante ma “brulicante”, superata solo dalle analisi sulla figura di Cristo; il che continua ad essere vero anche escludendo la ricca produzione di romanzi, opere teatrali e poesie. Accanto agli sforzi per una comprensione “oggettiva”, fondati ad esempio sulle traduzioni dei documenti dell’epoca e degli atti dei processi subiti da Giovanna, non sono mancate le interpretazioni, spesso contrastanti, basate su convinzioni personali o di classe; senza considerare le leggende sorte attorno al personaggio. Partendo dallo sberleffo di Voltaire – convinto che Giovanna fingesse la sua ispirazione divina1 – c’è stato chi l’ha rappresentata come una campionessa della fede, una combattente in favore di uno Stato nazionale francese, o un insieme delle due cose. Altri hanno visto in Giovanna una mistica visionaria, un’emancipatrice femminile in anticipo sui tempi e stretta dai vincoli della rigida società medievale, o infine una popolana ingenua, abbandonata al suo destino da un re cinico perché non più politicamente utile.

Sulla Pulzella d’Orléans si è scritto praticamente di tutto: il suo fascino è anche quello dell’immensa bibliografia che si occupa di lei, nella quale i libri e gli scritti accumulatisi tendono a creare un “mondo trasversale” ove la vicenda reale si perde nel mare delle interpretazioni. Non a caso, le opere in apparenza più avvincenti sono spesso le più fantasiose e le meno corroborate da prove documentarie. Non sono mancate le interpretazioni medico-scientifiche, sebbene siano numericamente inferiori rispetto a quelle storiche e religiose e alle opere letterarie a lei ispirate. Talvolta a ragione, questo tipo di speculazione scientifica è apparso niente più che un’eccentricità ed è stato confinato nella sezione dedicata alle teorie più fantasiose sull’eroina, quali quella che sia scampata al rogo o quella che la vuole figlia illegittima di Luigi d’Orléans.

© 2003-2007 Associazione Culturale Italia Medievale