ASSOCIAZIONE CULTURALE ITALIA MEDIEVALE

clicca sull'immagine per ingrandire

“Incontriamoci all’Inferno”

Parodie di fatti e personaggi della Divina Commedia di Dante Alighieri di Cinzia Demi. Stravaganze musicali per violino e voce di Paolo Buconi

Il progetto prevede una serata di lettura di brani in vernacolo toscano, in forma parodistica, sui fatti e personaggi della Divina Commedia, in contrapposizione ai riferimenti originali di Dante, tratti dal libro di Cinzia Demi, in corso di pubblicazione e di prossima uscita, per la casa editrice Pendragon, libro che ha lo stesso titolo dello spettacolo proposto. Le letture, già da me sperimentate in altre situazioni istituzionali, riscontrano di solito il favore del pubblico, proprio per la loro particolare ironia e comprensibilità (es. lettura di una parte del canto di “Paolo e Francesca” – abbinamento – lettura della versione di Francesca da Rimini sulla vicenda; lettura del sonetto “Tanto gentile e tanto onesta pare…”  - abbinamento – lettura della versione sull’amore fatta da Beatrice Portinari;  duetto fra Dante Alighieri e Gemma Donati, sull’amore e il matrimonio visto da Gemma – moglie di Dante – e da Dante stesso, ecc.).

In alternanza alle letture verranno eseguiti brani per violino e canto da parte dell’istrionico musicista Paolo Buconi che, con le sue stravaganze musicali completerà la “Stravagante serata”.

Le prossime date dello spettacolo sono, per il momento:
Comune di Granarolo dell'Emilia (BO)
Giovedì 6 settembre 2007 Terrazza sul Tramonto 2007
Alle ore 21.00, presso il Palazzo Municipale: Spettacolo dal titolo "Incontriamoci all'Inferno", parodia di fatti e personaggi della Divina Commedia.dall'omonimo libro di Cinzia Demi( voce recitante), con Paolo Buconi (violino).

Comune di Zola Predosa - Villa  Edvige Garagnani
Sabato 20 ottobre 2007
h.18 Lectura Dantis di Roberto Grazia
h.19.30 Buffet medievale 
h.21 Incontriamoci all'Inferno (Cinzia Demi-Paolo Buconi)

Progetto per le scuole

Come avvicinare i ragazzi a Dante e alla Divina Commedia utilizzando la  poesia ironico - giocosa da un’idea di Cinzia Demi.

Il progetto prevede momenti di insegnamento e di elaborazione in fasi alternate conseguenti e susseguenti.

Lavoro preparatorio dell’insegnante di lettere in classe:

1) Momenti in cui si prepara la fase introduttiva dell’incontro, ovvero la contestualizzazione del periodo storico-logistico-letterario in cui Dante ha vissuto, con approfondimento della poetica e della vita.  

2) Momenti in cui si elabora il percorso della Divina Commedia e la struttura del poema nelle tre cantiche, con letture e parafrasi di alcuni canti.

3) Momenti in cui si parla della rivoluzione di pensiero linguistico e dell’uso della lingua, per far comprende il successivo linguaggi dei testi che verranno presentati.

Lavoro da svolgere durante gli incontri:

4) E’ previsto l’approfondimento di alcune tematiche e di alcuni personaggi dell’opera per argomenti e per rapporto con il poeta e con il periodo.

5) E’ prevista la spiegazione di come si arriva ad elaborare un testo in chiave ironica e della sua valenza e serietà stilistica e di contenuto, rappresentata sin dall’antichità da un vero e proprio genere letterario.

6) Letture delle poesie ironiche o parodie. L’interpretazione.

7) Proposta di scrittura ed elaborazione ai ragazzi sulla base di quanto sentito.

8) Approfondimento a casa del lavoro iniziato in classe.

9) Rilettura dei lavori.

10) Teatralizzazione delle opere.

Sono previsti quattro incontri di due ore l’uno, a scadenza quindicinale, più la realizzazione della messa in scena  dei lavori dei ragazzi.

a) Primo incontro: approfondimento del tema dell’amore da vari punti di vista con presentazione dei personaggi di Paolo e Francesca (lettura del testo su Francesca da Rimini); Beatrice (lettura del testo su Beatrice); Gemma Donati (lettura del contrasto tra Gemma e Dante). Produzione personale dei ragazzi che si immedesimano nei personaggi ed elaborano in un tempo stabilito, in lingua o anche in dialetto, ciò che gli ha suggerito l’ascolto dei versi. Come compito a casa dovranno rielaborare gli altri personaggi presentati.

b) Secondo incontro:  il primo momento sarà rivolto all’analisi dei lavori fatti a casa dai ragazzi con eventuali letture. La lezione verterà sul tema del contrasto, es. troppa umiltà e troppa arroganza,  (lettura del testo di dialogo tra Bonifacio VIII e Celestino V)  oppure perplessità e sicurezza con trasposizione dei ruoli ( dialogo tra Dante e Virgilio) e ancora sull’opportunità e possibilità di chiedere scusa ( lettura della Lettera di scuse…). Seguirà la produzione personale ecc. ecc. (come nella prima lezione).

c) Terzo incontro: dopo il primo momento, sempre dedicato all’analisi dei lavori fatti a casa ed eventuali letture, la lezione tratterà il tema dei personaggi maschili dell’Inferno e delle loro caratteristiche di scaltrezza, capacità di trarre in inganno, capacità di capitanare eserciti e guerreggiare, ma anche di subire ignobili e terribili punizioni per questo, nella vita e nella morte, (letture di Ulisse, Farinata degli Uberti, Il conte Ugolino). Seguirà la produzione personale ecc. ecc. (come nelle altre lezioni).

d) Quarto incontro: completamento delle letture e degli argomenti, eventualmente rimasti insoddisfatti. Riepilogo del lavoro fatto. Considerazioni finali. Preparazione dell’evento di teatralizzazione del tutto con proposte di interpretazione dei testi.

Possibile coinvolgimento degli insegnanti di Educazione Artistica per la preparazione dei fondali di scena e di Musica per un abbinamento di piccoli stacchetti d’opera, tipo madrigali o altro. La messa in scena potrebbe basarsi sulla presentazione della Divina Commedia, per la cantica infernale attraverso un percorso fatto di momenti d’incontro con i vari personaggi trattati e Dante, legati da un filo conduttore-narratore.

Il progetto, legato anche alla pubblicazione del libro “Incontriamoci all’Inferno” – Parodie di fatti e personaggi della Divina Commedia di Dante Alighieri – Edito da Pendragon,  può essere variato a seconda delle eventuali esigenze e  proposte che, di volta in volta, possono essere richieste ed introdotte.

Bologna luglio 2007

Cinzia Demi

Contatto: cinzia.demi@fastwebnet.it.

© 2003-2007 Associazione Culturale Italia Medievale

Curriculum vitae

Cinzia Demi è nata a Piombino, in provincia di Livorno, il 29 marzo 1960. Dal 1991 lavora e vive con la sua famiglia, il compagno Maurizio Caruso e i figli Alessandra ed Enrico, a Bologna. Nel 1998 entra a far parte di un gruppo poetico “Il Laboratorio di Parole” che si riunisce presso i locali del Circolo La Fattoria. Da alcuni anni, per il gruppo, ha assunto la carica di  curatrice delle relazioni esterne e  redattrice della  rivista bimestrale dal titolo “Parole” che vanta un centinaio di abbonati. Il gruppo opera sul territorio bolognese per la diffusione della poesia e collabora con centri e istituzioni pubbliche quali Il Centro di Poesia Contemporanea dell’Università di Bologna, e vari comuni limitrofi. E, sempre per il gruppo organizza scambi culturali e gemellaggi in varie località d’Italia, serate di lettura di poesia abbinate ad altri momenti artistici quali musica, grafica, balli, curandone la regia. Ha partecipato ad alcuni corsi e laboratori di teatro in Bologna e provincia. Partecipa volentieri a concorsi e premi letterari e poetici, riportando discreti successi. Le sue opere sono presenti in varie antologie e riviste di poesia nazionali. La cosa che ama dire di se stessa è che la poesia fa parte della sua vita, in forma di lettura e di ascolto e che tutto può diventare poesia in qualunque momento della vita quotidiana.

Quest’anno ha elaborato e curato graficamente la preparazione del catalogo per la mostra personale di pittura e grafica, “I colori del Silenzio”  del compagno Maurizio Caruso. Inoltre, ha iniziato una collaborazione con le scuole medie, della provincia di Bologna, attraverso un progetto di diffusione della Divina Commedia, con un avvicinamento ai ragazzi in chiave ironica, in cui i testi  analizzati e proposti nel percorso, che è concluso con una teatralizzazione dei lavori elaborati dai ragazzi stessi, sono presenti nel libro “Incontriamoci all’Inferno” – Parodia di fatti e personaggi della Divina Commedia di Dante Alighieri, edito dalla Pendragon di Bologna. Il progetto è già stato sottoposto all’attenzione di diverse direzioni didattiche e biblioteche di quartiere e verrà largamente diffuso nel prossimo anno scolastico.

Nel mese di febbraio 2007 ha curato la regia della manifestazione, patrocinata dal comune di Bologna e dai quartieri S. Stefano e S. Donato,  in costume medioevale, “Con gli occhi di Dante, portici e poesia” che si è svolta per le principali vie e piazze di Bologna, con conclusione in Cappella Farnese, Palazzo d’Accursio per la declamazione delle poesie, e che ha visto la partecipazione di oltre un centinaio tra poeti, musicisti, ballerini di balli medievali, spadaccini, cavalieri e figuranti.

Infine, ha iniziato la promozione del libro “Incontriamoci all’Inferno” con uno spettacolo che prende lo stesso titolo, in compagnia del maestro violinista Paolo Buconi, dove alla lettura di brani della Commedia abbina le parodie dei personaggi con i brani tratti dal libro stesso, e che sta realizzando in diverse realtà istituzionali.

Internet Map