ASSOCIAZIONE CULTURALE ITALIA MEDIEVALE

clicca per ingrandire

La Rocca dei Catari

Viaggio tra mito e realtà alla scoperta dell'eresia dei perfetti


Fondamento storico della rievocazione sui Catari che si terrà a Roccavione è il Tractatus de heretici dell’inquisitore Anselmo da Alessandria, il quale afferma che “Rocavion est locus apud Cuneum ubi stabant cathari…“. Il fenomeno del catarismo ha suscitato in questi ultimi anni, grazie anche a pubblicazioni recenti, studi e romanzi, un notevole interesse. Il territorio di Roccavione, sito poco distante alla Francia, terra di grande diffusione dell’eresia dei Perfetti, ha rappresentato dapprima rifugio sicuro e in seguito, purtroppo, anche di persecuzione per gli appartenenti all’eresia Catara.

A distanza di secoli è rimasto nella gente comune il ricordo di queste persone che rifiutavano gli agi e praticavano uno stile di vita austero e pieno di privazioni. Nella stessa lingua occitana il termin ”bounom” sta proprio ad indicare chi si comporta in questo modo.

La quinta edizione de “La Rocca dei Catari” si svolgerà il 21 giugno 2008; le vie di Roccavione, piccolo centro della Valle Vermenagna, a pochi chilometri da Cuneo, si trasformeranno in uno scenario suggestivo all’insegna dello spettacolo e della rievocazione medioevale: figuranti in abito dell’epoca e scene di vita quotidiana del basso Medioevo animeranno le strade del centro storico, il tutto in un rigoroso rispetto della documentazione storica.

Alle ore 21.00, le luci delle torce illumineranno il centro storico del paese e per le vie si susseguiranno più di 20 scene di vita medioevale con la presenza di oltre 150 comparse vestite in costume rigorosamente dell’epoca; verranno ricreati gli ambienti tipici di un villaggio medioevale dal mercato alle osterie dove saranno proposte pietanze che ricordano la quotidianità di questo periodo storico, dalle dimostrazioni di mestieri all’accampamento, agli arcieri sino alla corte del signorotto locale, con particolare attenzione agli aspetti caratteristici del catarismo. Sarà infatti riproposto il “rito del consolamento”, un misterioso rituale di passaggio da cataro a “perfetto”.

Le scene teatrali recitate sotto forma di dialoghi e di monologhi con attori della locale compagnia teatrale, si prefiggono l’obiettivo di far rivivere con un certo realismo i fondamenti della religione catara, i riti essenziali, il dramma della persecuzione e il sacrificio finale. Esse conducono il visitatore, immerso nella scenografia del tipico villaggio medioevale, in un viaggio ideale in sei tappe che ha inizio con i trovatori, sino al processo ed al rogo finale dell’inquisito, attraverso le testimonianze di contadini, di catari in fuga, di prigionieri accusati di eresia e dell’inquisitore.

Gli eventi enogastronomici, presenti durante la serata della rievocazione, si propongono di far conoscere e riscoprire i gusti ed i piatti dell’epoca, con particolare attenzione agli alimenti disponibili nel periodo medioevale ed ai relativi metodi di cottura.

A completamento dell’ambientazione saranno presenti gruppi musicali che presenteranno brani di musica medioevale eseguita con strumenti propri dell’epoca. La musica stessa è poi suddivisa a seconda del livello sociale, per cui vi saranno artisti di strada che eseguiranno melodie popolari, menestrelli e danzatori di corte ed un corteo itinerante di frati che intoneranno canti sacri.

PROGRAMMA "La Rocca dei Catari 2008"
17-19-20-21 giugno 2008

17 giugno - ore 21.00 presso l'area comunale: proiezione filmato "i bonòm che l'han trovà Coni" a cura di Franco Actis Alesina - INGRESSO LIBERO

19 giugno - ore 21.00 presso l'area comunale: convegno "L'eresia catara e la sua repressione nei testi letterari medievali" tenuto dal prof. Francesco Zambon (ordinario di filologia dell'Università di Trento) - INGRESSO LIBERO

20 giugno - ore 21.00 presso l'area comunale: Concerto medioevale con l'ensemble Lilium Lyra - INGRESSO LIBERO

21 giugno - ore 21.00 per le strade del centro storico: Rievocazione Medioevale con oltre 200 comparse, ricostruzione del villaggio medievale, rievocazione degli antichi mestieri, teatro di strada a cura della compagnia teatrale la Rupe, realizzazione dell'accampamento medioevale, degustazione di cibi e bevande medioevali. INGRESSO LIBERO.

© 2003-2008 Associazione Culturale Italia Medievale

Internet Map
Finalmente nelle librerie