ASSOCIAZIONE CULTURALE ITALIA MEDIEVALE


Le Notti di San Giorgio a Corsignano (AP)


Cossignano, ombelico del Piceno, borgo medievale da vivere, terra accogliente per natura

A partire dal primo e fino al 15 agosto, festival medievale “Notti di San Giorgio”, incontro culturale “Cossignano e i suoi documenti medievali”, mostra fotografica “Ritratti in Nero”, spettacolo teatrale “La fortuna con la effe maiuscola”, ludobus, giochi e animazione per bambini, musica dal vivo, stands gastronomici, momenti religiosi in onore di S. Maria Assunta

Festival Medioevale: Notti di San Giorgio 2008

“…se non sai dove stai andando, voltati per vedere da dove vieni…”

Nell’antico e nobile borgo medievale, in un‘atmosfera di altri tempi, sbandieratori, tamburi e chiarine, faranno rivivere, nella notte del venerdì 1 agosto, suggestive atmosfere medievali, venerando il patrono San Giorgio, il solo santo rappresentato a cavallo, ispirato da alte idealità morali e religiose, capo delle quindici martiri ausiliatori del popolo di Cossignano.

Il gruppo Alfieri e Musici Storici di Servigliano, la delegazione del Corteo Storico di Offagna e Servigliano, gli Infusio Vulgaris, i giullari ed i giocolieri, le Carceri dei Giustiziati, tutto ciò per rivivere una notte di magia, colori ed emozioni.

Avventura e meraviglia, storia e tradizione, pace e ristoro, per chi ha voglia di tuffarsi tra le colline del Piceno, a 15 km dal mare. Cossignano offre questo e molto altro ancora.

Borgo tipicamente medievale, Cossignano torna a rivivere la magia di quell’età di mezzo che ancora oggi attrae i nostri sensi, con la forza dei suoi contrasti: colori sgargianti e atmosfere cupe, fastose cerimonie e lamentevole povertà, rozza baldoria e dolce religiosità.

La venerazione del cavaliere medievale in questa comunità viene fatta risalire nel profondo e misterioso medioevo. Già nel 1303, nella ricorrenza del millenario del martirio di S. Giorgio, fu inaugurata la campana bronzea della torre civica invocando il santo soldato come patrono e ”avvocato” del comune.

Convinta di appartenere ad una nobile stirpe guerriera, la comunità cossignanese ritrova il suo carattere combattivo nel motto della terra (ferax et ferox) e in tanti elementi della millenaria storia, a partire dall’originario nome Castellum Martis, forse residuo di un luogo di culto dell’antico dio della guerra.

Tutto ciò cercheremo di far rivivere nel giorno di festa medievale, tra spettacoli e animazione, cordialità e ospitalità, dando soddisfazione anche alla nobilissima scienza del ventre attraverso lo stand medievale “I Sapori del Medio Evo” e le taverne allestite lungo le vie del centro storico. 

INGRESSO LIBERO – Info: www.comune.cossignano.ap.it

Programma del Festival Medievale “Notti di San Giorgio”

Dalle ore 19.00 Piazzale Europa – Apertura stand medievale “I Sapori del Medio Evo” con piatti tipici del tempo

Dalle ore 21.00 Per il Centro Storico, aperture delle taverne, musiche e canti medievali

Corteggio storico dei gruppi di Offagna e Servigliano

Apertura de “Le carceri dei Giustiziati". I condannati a morte dalla Giustizia ricevono l'ultimo conforto religioso e possono pregare per la salvezza dell'anima.

Giocoleria, danza, dame, cartomanti, sputafuoco e trampoli in itinere ed ad oltranza nel Centro Storico a cura dei gruppi storici:

Gruppo Tamburi Offagna - Il gruppo propone una coreografia di movimenti accompagnati dal suono dei tamburi.

I Protagonisti del Borgo - Il Gruppo Sbandieratori ed il Gruppo Danza Medioevale ci stupiranno con spettacolari acrobazie ed armoniose evoluzioni.

Infusio Vulgaris - Il pubblico diventa protagonista della serata grazie a giochi di abilità che lo coinvolgono direttamente, premiando coloro che si distingueranno, con uno speciale infuso, in un’ambientazione suggestiva, allietata da giullari, giocolieri e mangiafuoco.

G.A.M.S. - Gruppo Alfieri e Musici Storici di Servigliano. Il Gruppo propone spettacoli di ambientazione medioevale in cui sono coinvolti in vario modo gli sbandieratori, che eseguono numeri in singolo, in coppia, in piccola e grande squadra; i musici, che accompagnano col suono dei tamburi (rullanti e bassi) l’evoluzione delle bandiere e l’eventuale sfilata in corteo del gruppo ed i figuranti, che rappresentano famiglie nobili o comunque benestanti e che hanno funzione coreografica.

Alle ore 22.00 Piazza Umberto I: Spettacolo “Tamburi di fuoco - La leggenda di S. Giorgio e il Drago”. I gruppi storici di Offagna (Infusio Vulgaris, Gruppo Tamburi, Sbandieratori e Danza) mettono in scena il mito di S. Giorgio con l’arte della danza, della giocoleria, della bandiera e le coreografie del Gruppo Tamburi. I giochi di fuoco guidati dal ritmo incalzante dei tamburi raccontano le gesta eroiche del giovane cavaliere che si battè contro il terribile drago per salvare la principessa.

Alle ore 23.00 Piazza Santucci: "Hidalgo, sogno di un Cavaliere errante". Spettacolo di giochi, colori, fuoco e voci della storia a cura del Gruppo Alfieri e Musici Storici di Servigliano. Il tema proposto è quello del sogno. Attraverso le avventure del Don Chisciotte si è voluto rappresentare il sogno del cavaliere errante, un hidalgo (gentiluomo), espressione di come la visione della realtà a volte non consente di far sognare, di chiudere gli occhi e di lasciarsi andare tra le nuvole dei desideri, delle speranze, degli amori. Scoprirete come, attraverso il sogno, la realtà possa essere ancor più vera ed emozionante. In fondo “solo nei sogni gli uomini sono davvero liberi, è da sempre cosi e così sarà per sempre…”

Al piazzale Europa - “I Sapori del Medio Evo”: affettati; insalata di farro; zuppa di ceci; polenta con funghi, salcicce e tartufi; spezzatino di maiale con mele ed arance e “Vino DiVino”. Alle taverne del Centro Storico: arrosticini; frittelle; cantucci e vino cotto.

© 2003-2008 Associazione Culturale Italia Medievale

Internet Map
Finalmente nelle librerie