ASSOCIAZIONE CULTURALE ITALIA MEDIEVALE


COMUNICATO STAMPA

Prescrizioni dietetiche nella Scuola Medica Salernitana: una lezione dal passato.

Novembre 2008. Salerno e la sua storica Scuola Medica Salernitana ritornano ancora una volta sulle pagine della stampa medica internazionale. L’articolo “Dietary recommendations in the medieval Medical School of Salerno: a lesson from the past” pubblicato sulla autorevole rivista American Journal of Preventive Medicine, vuole far  conoscere alla comunità scientifica internazionale un altro importante aspetto della Scuola Medica Salernitana. Gli autori (il professore Maurizio Bifulco, Ordinario di Patologia Generale dell’Università degli Studi di Salerno e le dottoresse Simona Pisanti e Magda Marasco) hanno messo in risalto l’importanza delle prescrizioni dietetiche fornite dai medici della Scuola Medica Salernitana, analizzando i precetti contenuti nel suo più importante e famoso trattato, il “Regimen Sanitatis Salerni”, che può essere considerato uno dei più antichi scritti di medicina preventiva, e nel meno noto ma altrettanto interessante “De flore dietarum”. L’analisi fornita può essere di grande utilità per i medici e per tutti coloro che si interessano di medicina preventiva, in quanto evidenzia la modernità  dei contenuti, in particolare riguardo l’importanza di un’alimentazione corretta. I cibi considerati salutari dai famosi medici medievali della Scuola Medica Salernitana sono quelli tipici del territorio salernitano e della attuale dieta mediterranea, i cui benefici sono scientificamente riconosciuti.

L’articolo ha, quindi, il pregio di far conoscere agli scienziati e ricercatori di tutto il mondo la storia del nostro territorio e la sua impronta sulle abitudini alimentari e lo stile di vita di oggi, che hanno grande impatto sulla prevenzione di gravi patologie.

Per scaricare l'articolo in formato PDF clicca qui.

prof. Maurizio Bifulco
Ordinario di Patologia Generale, Università di Salerno


© 2003-2008 Associazione Culturale Italia Medievale

Internet Map
Finalmente nelle librerie