ASSOCIAZIONE CULTURALE ITALIA MEDIEVALE

home

entra nel sito
eventi
novità
chi siamo
statuto
progetti
personaggi
contributi
convenzioni
segnalazioni
adesioni
mailing list
forum
video
link
Blog

MedioEvo Weblog

Italia Medievale

Libreria Medievale

Fototeca

Arte Medievale

Musica Medievale

Espana Medieval

Europa Medievale

Platea Medievale

Galleria Medievale
Poesia Medievale
Siti Medievali
Bibliografie Medievali
Blog Eventi
Medioevo in Libreria
Premio Italia Medievale
Pisa 1063 A.D.
Terre Viscontee
Partner
Eubia

Rievocare

Castelli Toscani
Premi

© Premio Italia Medievale

© Philobiblon, Premio Letterario Italia Medievale
Concorso ACIM
Canali Video
YouTube
Vimeo
LiveStream
ACIM

Medioevo in Tavola

La felpa, le t-shirts, il cuscino e la borsa dell'Acim
Sostienici
Viaggia con noi nell'Italia medievale
Come with us across medieval Italy


Nel 1985 un gruppo di appassionati di scherma moderna decise di dar vita all’antica tradizione dei combattimenti medievali, avvalendosi della riedizione del famoso trattato di Fiore dei Liberi da Premariacco “Flos Duellatorum in armi, sine armis equester et pedester”.

Il primo studio fu incentrato sulla spada a una mano e mezza ed in seguito, per la ricostruzione di combattimenti, vennero inserite altre armi filologiche quali spada ad una mano, lancia, ascia, mazzafrusto e scudo.

Oltre alla scherma, la nostra Compagnia utilizza l’araldica delle famiglie vicino ai Conti Fieschi per ricreare l’atmosfera e la vita del Basso Medioevo.

Nel 2000, il gruppo d’arme si accosta al Seicento, dando vita a duelli cortesi con la striscia e battaglie in schieramenti di picche e, con la stessa cura avuta per il duecento, il vestiario trova fonte d’ispirazione nei dipinti dell’epoca in particolare nel Caravaggio.

La bontà dell’ispirazione è tale che la maggior parte dei fondatori fa tutt’ora parte della Compagnia.

Nel corso degli anni la Compagnia non si è limitata alla ricostruzione del combattimento medievale ma ha allargato le sue attività. La ricostruzione spazia dal medioevo al rinascimento con qualche "incursione" fino al '900, inoltre si sono aggiunte attività di organizzazione di eventi sia in proprio che conto terzi e, ultima ma non meno importante, l'attività di insegnamento alle nuove generazioni di "duellanti".

Il nostro lavoro è sempre stato realizzato senza perdere il collegamento con la tecnica schermistica, il che ha portato la compagnia a diplomare tre maestri presso l'Accademia Nazionale di Scherma di Napoli, unico organo riconosciuto dalla Federazione Italiana Scherma per il rilascio di diplomi magistrali, con l'intento garantire anche a fronte di un riconoscimento ufficiale la qualità dei nostri insegnamenti tesi a trasmettere la tradizione schermistica italiana agli allievi che vogliano avvicinarsi a questa disciplina.

I nostri corsi di base si svolgono ogni anno da ottobre a maggio e hanno come programma l'insegnamento delle tecniche di passeggio con e senza arma, i fondamenti della lotta a mani nude, l'utilizzo della spada ad una mano e mezza con principale riferimento alle poste illustrate da Fiore de Liberi nel suo manuale, l'esecuzione di serie codificate propedeutiche all'esecuzione di combattimenti.

I corsi avanzati comprendono la rivistazione del corso base, la coreografia del combattimento e la preparazione di ricostruzioni di combattimenti con vari tipi di armi, bastone, spada e scudo, mazza ferrata, mazzafrusto, ascia bipenne, a scelta dell'allievo. Può essere inoltre seguito un corso di spada e brocchere secondo le tecniche illustrate nel "Fechtbuch I.33" (un manoscritto tedesco anonimo circa del 1300, testo altamente significativo in quanto è il più antico manuale di cui ci sia giunta traccia per il combattente di spada). I corsi si tengono presso la palestra delle scuole elementari "Riboli" di Lavagna.

Insieme alla scherma tradizionale vera e propria da alcuni anni è insegnata e praticata la “scherma combat” ovvero l'unione delle tecniche rinascimentali ad attrezzature moderne, opportunamente realizzate o modificate, per dar vita ad una disciplina sportiva ed agonistica attraverso la quale gli atleti possano misurarsi in tutta sicurezza mettendo in campo le proprie conoscenze delle suddette tecniche. Grazie a questa nuova disciplina è possibile, per gli appassionati di scherma storica confrontare la loro abilità in un combattimento vero altrimenti impossibile a realizzarsi. Per questa particolare disciplina, nata dagli studi del Magistro Re Giovanni Rapisardi di Padova, abbiamo deciso di utilizzare lo stile di spada e daga in quanto molto tecnico, visto l'impiego di due armi, ma al contempo molto spettacolare.

Per maggiori informazioni, visita il sito della compagnia:

www.flosduellatorum.org

Bookmark and Share

© 2003-2010 Associazione Culturale Italia Medievale






Profilo Facebook di Maurizio Calì