Associazione Culturale Italia Medievale - Segnalazioni
index
eventi
novità
cariche
statuto
progetti
convenzioni
segnalazioni
adesioni
link
mailing list
forum
area riservata
Partner
www.eubia.it
Castelli Toscani
Medieval Photos

Ministero per i Beni e le Attività Culturali
Dipartimento per i Beni Archivistici e Librari - Direzione Generale per i Beni Librari e gli Istituti Culturali
COMITATO NAZIONALE RENASCENTES ARTES AENEA SILVIO PICCOLOMINI PIO SECUNDO PONTIFICE


Convegno Internazionale di Studi

PIUS SECUNDUS
AENEAS SILVIUS PICCOLOMINI
POETA LAUREATUS
PONTIFEX MAXIMUS

Cura scientifica Arianna Antoniutti

Roma
Complesso Monumentale di San Salvatore in Lauro - Refettorio del Salviati
29 settembre – 1 ottobre 2005

nell'immagine a destra: Tempietto di Sant’Andrea a Ponte Milvio


Sabato 1 ottobre il Convegno Internazionale di Studi dedicato a Pio II Piccolomini si chiuderà con una visita al Tempietto di Sant’Andrea presso Ponte Milvio, gioiello poco noto del Quattrocento. Il Tempietto fu edificato nel 1462 da Pio II per celebrare l’arrivo a Roma della testa di Sant’Andrea. La venuta nella capitale della reliquia dell’apostolo costituì difatti un significativo episodio del Pontificato piccolomineo, ed al tempo stesso si attestò come una delle più solenni cerimonie religiose dell’intero Quattrocento.

Il capo dell’apostolo, da sempre custodito a Patrasso, nel 1460 corre il pericolo di finire, quale prezioso bottino, nelle mani dei Turchi che proseguivano vittoriosi nelle occupazioni dei territori dell’Acaia. Tommaso Paleologo, despota di Morea, assediato dall’esercito di Maometto II, giunge a Roma seguendo le preghiere di Pio II che desidera porre in salvo la reliquia. Il Paleologo, lasciata la Morea, raggiunge nel 1461 Ancona secondo gli accordi presi con il Pontefice, e la reliquia è trasportata nella Rocca di Narni. La lunga permanenza della reliquia nella Rocca è giustificata dai laboriosi preparativi, subito indetti dal Papa, per ricevere e collocare suntuosamente nella città di Roma il capo dell’apostolo.

La reliquia è condotta a Roma l’11 aprile 1462, Domenica delle Palme, presso Ponte Milvio, accompagnata dai cardinali Alessandro Oliva, Bessarione e Francesco Todeschini Piccolomini, poi Pio III. Lì rimase, all’interno della torre del Ponte, sino al giorno seguente, quando il Papa giunge scortato da un corteo solenne. Presso il Ponte, a memoria del passaggio della reliquia, è edificato un tempietto, che fra quattro colonne ospita la statua del santo scolpita da Paolo Romano.

Il Comitato Nazionale donerà al Tempietto, sabato 1 ottobre, ore 21.00, un’opera realizzata dal Principe romano Giovanni di Carpegna Falconieri. Il giovane pittore ha dipinto un grande olio su tela (3 m x 60 cm) rievocante il momento della processione che salutò a Ponte Molle l’arrivo della reliquia dell’Apostolo. La tela resterà presso il Tempietto – retto da Monsignor Rosario Colantonio e gestito dalla Confraternita della SS. Trinità dei Pellegrini e Convalescenti – a ricordare quello che Giovanni Paolo II definiva l’impegno della Chiesa “a respirare a due polmoni”: Chiesa d’Oriente e d’Occidente, unite nel culto di Sant’Andrea, patrono della Chiesa di Costantinopoli, come Pietro lo è di quella di Roma, debbono sostenere unita ed inscindibile la comunità dei credenti.


Info:
Complesso Monumentale di San Salvatore in Lauro, Piazza San Salvatore in Lauro, 15 - Roma
Giov. 29 sett. ore 16.00/19.00-Ven. 30 sett. ore 9.45-13.00/15.45-19.00-Sab. 1 ott. ore 9.45-13.00/15.45-19.00
L’ingresso agli spettacoli (ore 20.30) è libero
Prenotazione per la visita al Tempietto durante le giornate di Convegno
Segreteria Organizzativa: Shakespeare and Company2 Associazione Culturale
tel 06 68805173 fax 06 6879407 e-mail comitatonazionale.pio2@shakespeareandcompany2.it
Ufficio Stampa: Giuliana Mattei tel. 338 4521850 e-mail ufficiostampa.pio2@tiscali.it
Credits
Copyright © 2003-2004-2005 ACIM